Vietati nelle cucine professionali, i mestoli di legno sono ancora molto usati nelle cucine casalinghe, così come i taglieri: un po' per abitudine, un po' per affezione alla tradizione, ma anche per evitare di acquistare troppa plastica. Questi utensili, però, hanno bisogno di una pulizia corretta, con metodi che rispettino le loro caratteristiche, fra cui loro porosità. Come fare a pulirli e disinfettarli con metodi naturali? 

Perché gli utensili di legno sono "vietati" nelle cucine professionali

Dire che gli utensili di legno sono vietati per legge è un'imprecisione: legge italiana, in effetti, non si esprime sul tema. C'è però un Regolamento Europeo, il n. 1935/2004, che stabilisce il principio di non inquinamento dell’alimento attraverso la valutazione del rischio: in parole semplici chi commercializza o usa utensili in legno per preparazioni alimentari deve valutare i rischi connessi e fare dei test per rispettare il principio di non contaminazione.

Il legno, infatti, è un materiale poroso: per questo motivo è più "incline" ad assorbire liquidi e residui di cibo, cosa può causare la generazione di batteri e muffe, soprattutto nelle cavità. Di fatto il legno è un materiale idoneo al contatto alimentare: infatti, non rilascia nessuna sostanza pericolosa per la salute umana. Il pericolo, dunque, nasce da un uso scorretto del materiale e da una eventuale scarsa pulizia.

Detto questo, scopriamo come tenere sempre puliti e disinfettati i mestoli in legno, ma anche taglieri, pinze e spatole, usando metodi naturali e ingredienti che tutti abbiamo in casa.

Come pulire gli utensili in legno con metodi naturali

Se avete appena comprato utensili in legno, la prima cosa da fare è immergerli in acqua calda per 5 minuti. Inoltre, è sempre bene trattare i materiali in legno con olio di semi, ungendone la sua superficie, ripetendo l'operazione una seconda volta il giorno successivo. Evitate di usare l'olio d'oliva che potrebbe irrancidirsi, ma preferite l'olio di semi. Questo trattamento andrebbe ripetuto un paio di volte l'anno: così i vostri utensili in legno avranno vita più lunga. Inoltre, evitare di usare mestoli e taglieri troppo vecchi: man mano che invecchiano, infatti, diventano sempre più porosi e quindi sempre più soggetti a contaminazioni.

Naturalmente, se tagliate della carne sul tagliere o girate un brodo con il mestolo, dovrete sempre lavarli prima di iniziare un altra operazione con gli stessi utensili: in particolare, se state usando alimenti crudi e cotti, c'è il rischio di contaminazione incrociata (oltre a quello di portare in tavola un pot pourri di sapori).

Per una pulizia ordinaria con metodi naturali, invece, potete provare questa formula. Riempite una pentola con dell'acqua, quindi immergete i mestoli e lasciateli per 2 minuti. Aggiungete un paio di cucchiai di bicarbonato e mescolate; poi aggiungete l'aceto e lasciate in ammollo per 15 minuti. Girate i mestoli e lasciateli per altri 15 minuti.  Sciacquateli con acqua corrente, trasferiteli su un panno da cucina e lasciateli asciugare completamente.