18 Ottobre 2021 13:00

Come conservare i salumi: metodi e consigli per farli durare più a lungo

Trucchi e consigli per conservare perfettamente salumi e insaccati, tagliati oppure interi, preservandone al meglio sapore, consistenze e proprietà organolettiche. Scopriamo tutti i modi possibili con cui possiamo conservare semplicemente in casa salumi e insaccati di ogni tipologia e stagionatura.

A cura di Rossella Croce
221

Immagine

Artigianali o confezionati industrialmente, i salumi sono parte integrante della nostra tradizione gastronomica, protagonisti di aperitivi, antipasti o di indimenticabili merende fatte in casa. Salami, prosciutti, mortadelle e soppressate: no, non siamo qui solo per farvi venire l'acquolina in bocca, ma anche per scoprire come conservarli correttamente in casa, proteggendoli da muffe e batteri e preservandone gusto e profumo. La corretta conservazione degli alimenti è un tassello fondamentale per una buona alimentazione, oltre che un modo per evitare sprechi e rischi di intossicazione: nel caso dei salumi, come comportarsi? Quali sono le regole da seguire per conservarli senza errori e averli sempre a portata di panino? Vediamolo insieme.

1. Frigorifero

Immagine

Il frigorifero è senza dubbio l'ambiente ideale per conservare il salumi, in particolare se già aperti e affettati. Una volta aperti e già affettati, i salumi iniziano immediatamente un processo di ossidazione, per questo motivo andranno avvolti e chiusi nelle loro confezioni e riposti nello scompartimento più basso del vostro frigorifero (o nell'apposito cassetto che troviamo nei frigoriferi di ultima generazione): in questo modo potrete conservarli per un massimo di 5 giorni.

2. Sottovuoto

Immagine

Il metodo più efficace per conservare i salumi affettati o interi per un periodo più lungo è metterli sottovuoto. L'assenza di ossigeno interrompe il processo di ossidazione e la proliferazione di batteri, quindi si tratta di un metodo che permette di conservare i salumi fino a sei mesi: anche in questo caso, però, le buste sottovuoto andranno conservate in frigorifero. Una volta aperti, salumi e insaccati andranno consumati entro 5-6 giorni.

3. In cantina

Immagine

La cantina è senza ombra di dubbio il luogo migliore per conservare perfettamente e per lungo tempo i salumi interi. Prosciutti e salami interi andrebbero appesi in uno spazio non eccessivamente umido, magari a una temperatura che oscilli tra i 15° e i 20° C; fate attenzione a coprire eventuali parti tagliate con un foglio di carta leggermente oleata, o con un panno di lino imbevuto con olio extravergine di oliva: in questo modo fermerete il processo di ossidazione e potrete conservare i salumi interi per due o tre mesi.

4. I salumi si possono congelare?

Immagine

Se vi siete mai chiesti se sia possibile congelare i salumi, siamo qui per dare risposta al vostro quesito. I salumi si possono congelare ma, tra tutti i metodi di conservazione, il freezer è senza dubbio il meno indicato perché il congelamento aumenta il rischio di ossidazione, in particolare se si tratta di salumi interi. Prima di congelare un salume assicuratevi che sia tagliato e messo sottovuoto; eliminate le parti eccessivamente grasse e ricordate di annotare sulla confezione la data di congelamento. Ultimo ma non per importanza: i salumi, una volta scongelati, non possono assolutamente essere ricongelati e vanno consumati entro 2-3 giorni.

221
Lascia un commento
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
221