ingredienti
  • Pane raffermo 240g • 79 kcal
  • Speck 80g • 303 kcal
  • Cipolla 50g • 21 kcal
  • Burro una noce • 45 kcal
  • Uova 2 • 0 kcal
  • Farina 00 40g • 901 kcal
  • Latte 150ml • 50 kcal kcal
  • Prezzemolo q.b. • 79 kcal
  • Sale q.b. • 0 kcal
  • pepe q.b. • 79 kcal
  • Brodo di carne 600ml • 43 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

I canederli sono un piatto tipico della tradizione culianaria tirolese. Si tratta di palline di pane tenute insieme da un composto di uova e latte ma si possono arricchire di formaggio e salumi. I canederli di pane sono perfetti sopratutto nei periodi più freddi e nascono come piatto povero di recupero nella tradizione contadina per riutilizzare il pane raffermo. La ricetta originale nel tempo ha conosciuto grande fortuna e ad oggi ne troviamo diverse varianti sopratutto a base di verdure.

Come preparare i canederli

Per preparare la ricetta dei canederli prendete il pane raffermo, togliete la crosta, tagliatelo in piccoli cubetti e mettetelo in una ciotola capiente. (1) Tagliate finemente la cipolla e fatela appassire in un tegame con una noce del burro. (2) In una terrina mescolate le uova con il latte, il sale e il pepe. (3)

Tagliate lo speck in listarelle sottili e passatele nella farina (4). A questo punto unite ai cubetti di pane l'uovo sbattuto e lo speck: mescolate tutti gli ingredienti così che risultino bene amalgamati (5) e lasciate riposare l'impasto per 30 minuti. Trascorso questo tempo formate i vostri canederli prendendo poco alla volta parte dell'impasto con le mani leggermente bagnate così da facilitare la lavorazione: con questo quantitativo di impasto dovreste formare 8/10 pezzi (6).

Passate velocemente i vostri canederli nella farina quindi immergeteli nel brodo bollente e cuocete per 15 minuti. I canederli saranno pronti quando verranno a galla. Servite i canederli ancora caldi guarnendo con del prezzemolo o con erba cipollina.

Consigli

La cottura dei canederli è apparentemente molto semplice ma si corre il rischio che l'impasto non sia abbastanza compatto e che cuocendo possano aprirsi: il consiglio è quello di cuocere un canederlo prima degli altri e controllare che resti compatto, se dovesse rompersi niente paura, aggiungete un cucchiaio di farina al vostro impasto e il gioco è fatto.

Lavorando i canederli fate attenzione a che la superficie esterna sia priva di "buchi" in cui potrebbe entrare l'acqua o il brodo scompattando l'impasto.

Varianti

Se volete che i canederli mantengano più netto il loro gusto potete cuocerli in semplice acqua salata e successivamente servirli nel brodo.

Se preferite un brodo più leggero potete provare la ricetta del brodo di verdure.