ricetta

Zuppa di farro e ceci con cicoria e merluzzo: la minestra che non ti aspetti

Preparazione: 50 Min
Difficoltà: Media
Dosi per: 2 persone
A cura di Ciaopeople Studios
5051
Immagine
ingredienti
Farro delle Crete Senesi
300 grammi
Ceci della Murgia
300 grammi
Costa di sedano
1
Carota
1/2
Cipolla
1/2
Olio Evo
60 millilitri
Merluzzo
250 grammi
Cicoria
300 grammi
Peperoncino fresco
1
Brodo vegetale
1 litro
Sale
q.b.
pepe
q.b.
Rosmarino
1 rametto
Aglio
1 spicchio

Le minestre con cereali e legumi sono diffuse in tutto il nostro Paese, ma in particolar modo la zuppa di farro affonda le sue radici nella tradizione molisana. Un piatto povero ma non nel gusto, si prepara infatti partendo da materie prime genuine e nutrienti che si trasformano in una calda coccola. In questa variante dal twist innovativo abbiamo aggiunto i ceci toscani, la cicoria e il merluzzo, per unire l'Italia in un piatto gustosissimo e per nulla scontato.

Come si prepara la zuppa di farro e ceci con cicoria e merluzzo (step by step)

Scaldate un po' di olio evo in un tegame e aggiungete la dadolata di carote, sedano e cipolla.

Quando il soffritto è ben rosolato aggiungete i ceci già cotti e il farro crudo.

Cucinate il tutto aggiungendo all'occorrenza il brodo vegetale.

Nel frattempo bollite leggermente la cicoria in acqua salata, basteranno 3 minuti.

Saltate la cicoria in padella con un filo d'olio, uno spicchio d'aglio tagliato a metà, sale, pepe e peperoncino.

A parte tagliate il merluzzo a pezzetti e scottatelo in padella pochi minuti per lato con un po' d'olio e il rametto di rosmarino.

A questo punto impiattate la zuppa e completate con la cicoria e il merluzzo, un giro d'olio evo.

Consigli

Per cuocere i ceci basterà tenerli in ammollo per tutta la notte, dopo averli sciacquati per bene potrete cucinarli per circa un'ora in acqua con aglio e a piacimento qualche foglia di alloro. Evitate di aggiungere il sale in questa fase perché potrebbe indurire le bucce dei ceci.

5051
Questi sono contenuti pubblicitari a cura di Ciaopeople Studios, realizzati in linea con le necessità del brand.
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
5051