8 Novembre 2020 15:00

Volcano Bread, l’incredibile pane cotto grazie al vapore dei vulcani islandesi

Un pane cotto per 24 ore con i vapori caldi dei vulcani islandesi: è il Volcano bread. Una tecnica antica, che sfrutta la geotermia, riportata in auge da uno chef e dal suo resort vista lago. Composto principalmente da farina di segale, il pane risulta quasi denso e spugnoso, dalla consistenza simile a quella di una torta, con note caramellate. È utilizzato per accompagnare la trota affumicata, l’aringa, il salmone ma è ottimo anche con del burro spalmato.

69
Immagine

Il Volcano Bread è uno dei prodotti islandesi più iconici della nazione. Il suo nome evoca qualcosa di unico ed effettivamente questo tipo di pane unico lo è davvero. Si tratta di un pane di segale il cui impasto è cotto all’interno di un recipiente chiuso ermeticamente e sepolto in una sorgente geotermica per 24 ore. Praticamente viene cotto a vapore, grazie al calore della terra in cui viene seppellito. Un prodotto autoctono incredibile che caratterizza uno dei "piatti" più globali che esistano: il pane è probabilmente la specialità più antica e diffusa in ogni posto del mondo.

Cos’è il Volcano Bread e come si fa

Questo tipo di lievitato è tipico del lago di Laugarvatn ma la tecnica è diventata famosa grazie a Sigurður Rafn Hilmarsson, uno chef molto bravo in panetteria e pasticceria, vero cultore di questo prodotto. Hilmarsson, come riporta Tasting Table, è il titolare della panetteria di Laugarvatn Fontana. Un luogo meraviglioso, perché si trova in una bellissima stazione termale geotermica naturale.

Immagine
Lago di Laugarvatn

La fama del posto deriva da diversi fattori: oltre alle classiche piscine d’acqua calda naturale a cielo aperto, ha delle incredibili cabine di vapore che danno direttamente sul lago di Laugarvatn, tra il parco Þingvellir e Geysir, a solo un’ora da Reykjavik. Proprio in queste pozze geotermiche che liberano calore a 100 °C viene cotto il pane. Gli abitanti della zona hanno sempre usato 6 forni geotermici per cucinare, non solo il pane: altro piatto tipico del lago di Laugarvatn è infatti l’agnello cotto in questo modo.

Immagine
Foto di Ruth Hogan

Il metodo di preparazione del pane, conosciuto anche come Lava Bread, è molto semplice: si parte da un impasto di farina integrale e di segale, latticello, lievito, bicarbonato di sodio, sale e golden syrup, uno sciroppo di zucchero caramellato noto anche come "miele vegano". L’impasto si chiude in un contenitore di metallo e sigillato, viene poi sepolto in questo particolare terreno e cotto per 24 ore. Il giorno dopo si dissotterra la pentola e il pane viene letteralmente sfilato via. Il prodotto finale sarà un pane scuro, molto soffice e vellutato, dalle note dolci dovute al golden syrup. Il pane risulta quasi denso, non arioso come i lievitati italiani; è spugnoso con note caramellate. La giornalista Michelle Gross dice che "è un pane davvero buono da gustare, sia fresco che caldo. Anche appena dissotterrato è incredibilmente umido, ha quasi la consistenza di una torta". Il Volcanic bread viene utilizzato per accompagnare la trota affumicata, l’aringa, il salmone ma è ottimo anche con del burro spalmato.

69
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
69