ingredienti
  • Farina tipo 00 200 g • 750 kcal
  • Zucchero 100 g • 146 kcal
  • Zucchero vanigliato 40 g
  • Uova 1 • 380 kcal
  • Granella di mandorle 70 g
  • Margarina 120 g • 43 kcal
  • Zucchero a velo q.b. • 380 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

I Vanillekipferl sono dei biscotti di Natale alla vaniglia tipici della gastronomia austriaca ma che si preparano anche in Germania, Boemia e Alto Adige. Soffici, leggeri e facili da riconoscere, anche per la loro forma a cornetto: infatti la parola vanillekipferl significa appunto "cornetti alla vaniglia". Fatti con una pasta frolla a base di farina, burro, uova, vaniglia e granella di mandorle, sono biscotti molto semplici che piaceranno sia agli adulti che ai più piccoli. Potete mangiarli a colazione, accompagnati da un tè o un caffè bollente, ma anche come merenda, abbinati a una cioccolata calda, o come dolce dopo pasto. Si sposano alla perfezione anche con il vin brulè.

Come preparare i vanillekipferl, biscotti alla vaniglia austriaci

In una ciotola dai bordi alti setacciate la farina per bene (1). Aggiungete il burro tagliato a tocchetti (2) e lo zucchero semolato a pioggia (3), iniziando ad impastare.

Incorporate all'impasto l'uovo e lo zucchero vanigliato sempre a pioggia (4) e infine anche la granella di mandorle (5). Lavorate l'impasto con le mani finché non risulta abbastanza liscio e formate un panetto (6).

Stendete della carta forno su un piano di lavoro e poggiateci sopra il panetto (7). Staccate dei pezzetti, formate un cilindro (8) e dategli la forma a mezzaluna tipica dei cornetti (9). Procedete così per tutti i biscotti. Infornate a 180° per 20 minuti o fino a doratura: quando i vostri vanillekipferl saranno pronti spolverizzateli con dello zucchero a velo e servite.

Consigli

Per quanto riguarda la vaniglia è indifferente se usate il baccello, l'essenza o lo zucchero semolato aromatizzato. In Austria i vanillekipferl si accompagnano sempre con la cioccolata calda, il che li rende i biscotti ideali per tutta la stagione invernali. Esistono diverse varianti regionali, a seconda delle zone: per esempio, a volte, si usa la granella di nocciole anziché di mandorle e si preferisce solo il tuorlo al posto dell'uovo intero. Ciò che non deve mancare mai è naturalmente la vaniglia.

Oltre alle varianti riconosciute nelle diverse zone, esistono anche i vanillekipferl al cacao. Semplicemente dovete aggiungere il cacao amaro in polvere setacciato all'impasto. Sicuramente il gusto della vaniglia sarà un tantino coperto da quest'ultimo, ma vale la pena provarli. A questo punto potete anche scegliere un abbinamento tutto italiano: vanillekipferl al cacao e cappuccino.

Conservazione

Vi consigliamo di mangiare i biscotti alla vaniglia in uno o due giorni massimo, per non perdere la loro fragranza. Potete in ogni caso conservarli mettendoli in un contenitore ermetico e poi riponendo il contenitore in un luogo fresco e asciutto.