video suggerito
video suggerito
3 Maggio 2023 15:00

Cosa sono gli strigoli: la ricetta degli spaghetti per scoprire questa erba spontanea

Prelibatezza di stagione poco conosciuta, gli strigoli possono essere cotti nei modi più vari, ma sono davvero strepitosi come condimento a un bel piatto di pasta.

A cura di Martina De Angelis
83
Immagine

Li hai visti mille volte nei campi fioriti, ma di sicuro non avevi idea che si potessero mangiare: gli strigoli sono un’erba spontanea primaverile, facilmente riconoscibile per i fiori a forma di palloncino che, se schiacciati, emettono un piccolo schiocco. Hanno tantissimi momi locali: oltre a stringoli puoi trovarli sotto il nome di stridoli, strigioli, carletti, strisci, concigli, verzulì, cuiet o versèt e così via.

La parte con il fiore non si mangia, mentre le foglie lunghe e strette sono molto tenere ed estremamente versatili. La pianta, che in gergo scientifico si chiama Silene vulgaris, si trova letteralmente ovunque, dal mare alla montagna e in tutti i paesi mediterranei, in particolare in Italia, Grecia e Spagna.

Gli strigoli sono una pianta da sempre presente nel bacino mediterraneo, e sembra addirittura che anche gli antichi romani ne fossero ghiotti. Non solo: proprio loro sembra che li usassero non solo in cucina, per via delle loro molte proprietà curative. Sono un tipo di pianta, infatti, ricca di vitamina C, sali minerali e fenoli, con ottime proprietà depurative (lassative e diuretiche), per curare infiammazioni della pelle e degli occhi e per rafforzare il sistema immunitario, tanto che è molto usata ancora oggi nella fitoterapia.

Cotti leggermente a vapore, gli strigoli mantengono il massimo delle loro sostanze nutritive. Ma sono anche una verdura molto versatile, ideale da aggiungere nelle insalate, nelle frittate e nelle torte salate. E anche nella pasta: bastano pochissimi ingredienti, e un primo gustoso è assicurato!

Come preparare gli spaghetti agli strigoli, la ricetta di primavera amatissima in Romagna

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr di tagliatelle o pasta lunga
  • 400 gr di strigoli
  • 250 ml di passata di pomodoro
  • ½ cipolla
  • olio extravergine d'oliva q.b.
  • sale q.b.

Preparazione

Per prima cosa trita la cipolla molto finemente, mettila in padella e tritala insieme a un filo di olio extravergine d'oliva.

Mentre lasci imbiondire la cipolla, lava e scola bene gli strigoli. Una volta pronti, aggiungili al soffritto e lasciali appassire per un paio di minuti coprendo la padella con un coperchio.

Passati i minuti, aggiungi la passata di pomodoro, aggiusta di sale e lascia cuocere almeno mezz’ora.

Quando il tempo di cottura è quasi terminato, fai cuocere le tagliatele, scolale bene e mettile nella padella con il sugo. Mescola e lascia mantecare per qualche minuto, poi servi la pasta con una ricca spolverata di parmigiano.

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
83
api url views