video suggerito
video suggerito
28 Ottobre 2022 10:16

Se esiste lo champagne dobbiamo dire grazie ai dinosauri

Il terreno della regione di Champagne è ricco di gesso e minerali risalenti alla preistoria, quando la Francia era sommersa all'Oceano e piena di dinosauri. Senza i fossili e senza il gesso oggi non potremmo bere alcun tipo di champagne.

95
Immagine

È probabilmente il vino più iconico del mondo, simbolo stesso dei festeggiamenti e della nobiltà: parliamo dello champagne, il vino più rappresentativo della Francia. Non siamo qui per parlare delle doti organolettiche o delle qualità del prodotto, bensì vogliamo dirti un segreto: se oggi possiamo bere champagne lo dobbiamo solo ai dinosauri. Sembra incredibile ma se lo champagne è così buono è proprio grazie alla copiosissima presenza dei dinosauri, in particolare quelli marini perché sì, nel cuore dell'Europa c'era il mare. Andiamo alla scoperta dello champagne "preistorico".

La ricchezza dello champagne è sotto terra

Uno dei segreti della Champagne, la zona in cui si fa questo straordinario vino, non si vede a occhio nudo. Bisogna andare nel sottosuolo, bisogna scandagliare il terreno in cui le preziose vigne affondano le proprie radici.

La particolare composizione di questo terreno è dovuta all'acqua marina che c'era fino a 45 milioni di anni fa. La Francia preistorica era una delle zone più fertili che si siano mai viste: un oceano tropicale con milioni di pesci e la Valle della Marna che accoglieva mostruosi rettili e una quantità infinita di animali marini. Quando le acque si ritirarono lasciarono una spessissima crosta di gesso nel terreno e tutti i fossili degli animali qui vissuti. I fossili col tempo hanno rilasciato minerali e residui organici arricchendo il sottosuolo calcareo: il 75% del terreno è composto da marna, calcare e gesso. Una stratificazione che favorisce il drenaggio e dona la particolare mineralità allo champagne.

Immagine
Una parte della cava: le scalanature del "soffitto" sono tutti fossili non ancora estratti

Non ci troviamo però di fronte a un gesso "normale": il gesso di questa zona è composto da granelli di calcite provenienti dagli scheletri di microorganismi marini (detti coccoliti) e caratterizzato dalla presenza di fossili di belemniti, molluschi risalenti a circa 100 milioni di anni fa. Per comprendere a pieno quanti fossili siano sepolti nella zona c'è una cantina a Fleury-la-Rivière, un piccolo villaggio poco lontano da Epernay, che ha creato delle gallerie in cui è possibile vedere tutti questi dinosauri a sfioro: Cave aux Coquillages, la "cava delle conchiglie". Tutti i "rilievi" che vedi in foto sono vere e proprie conchiglie risalenti a milioni di anni fa conficcate nel terreno, uno spettacolo davvero impressionante.

Tutte queste particolarità rendono il terreno estremamente poroso e creano dei veri serbatoi d'acqua, di circa 300-400 litri per metro cubo, assicurando alle viti un apporto idrico ideale, sia nelle estati secche sia in quelle piovose. Tra l'altro questo terreno costringe la vite a compiere uno sforzo sovraumano per assorbire l'acqua e questo provoca il cosiddetto stress idrico, una situazione che favorisce l'acquisizione di sali minerali e l'equilibrio tra i diversi acidi contenuti nel frutto, gli zuccheri e i precursori degli aromi che emergono poi nel vino. La "tecnica" dello "stress idrico" in Italia è usata molto nella coltivazione dei pomodori, soprattutto nella zona del Vesuvio: i contadini sfruttano la particolarità unica del terreno vulcanico per far "sforzare" le piante, "costringendole" ad acquisire tantissimi sali minerali in più rispetto ad altre tipologie di pomodori.

Senza i dinosauri e il ritrarsi dell'oceano oggi non avremmo questo vino straordinario: se nel giorno dello Champagne Day puoi gustarti un calice una parte del merito va ai protagonisti di Jurassic Park che si sono "sacrificati" per la causa qualche annetto fa.

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
95
api url views