12 Settembre 2022 13:00

Sale nella lavastoviglie: a cosa serve e come sceglierlo

Perché si mette il sale nella lavastoviglie? Quando, come e dove metterlo? Ecco come agisce, a cosa serve e perché è così importante il sale da lavastoviglie.

A cura di Rossella Croce
475
Immagine

In cucina il sale è fondamentale non solo per insaporire le nostre pietanze, ma anche per far splendere piatti e posate e  garantire un buon funzionamento della lavastoviglie. Spesso, in casa, compiamo azioni che diamo per scontate senza chiederci davvero il perché: mettere il sale nella lavastoviglie è molto probabilmente una di queste, nonostante sia un'abitudine davvero importante. A cosa serve il sale? Tecnicamente, il sale "addolcisce" l'acqua mantenendo pulito un piccolo dispositivo, chiamato proprio addolcitore, il cui compito consiste nel trattenere il calcare presente nell'acqua e impedire così che rovini la resistenza, le pareti e i condotti idraulici della lavastoviglie. Come agisce il sale e perché è così importante? Che tipo di sale serve per la lavastoviglie? Cosa succede se mettiamo il sale da cucina nella lavastoviglie? Siamo qui per rispondere a tutte le tue domande.

Sale nella lavastoviglie: come agisce e perché è così importante

Il peggior nemico della lavastoviglie? Non i residui di cibo o lo sporco, bensì il calcare. Più o meno presente nell'acqua che utilizziamo in casa, il calcare si deposita sulle stoviglie e, con il passare del tempo, si incrosta e rovinare le pareti della lavastoviglie e renderla meno efficiente.
La quantità di calcare presente nell'acqua ne determina il livello di durezza e quindi di impatto sul nostro elettrodomestico: per ridurre al minimo l'azione del calcare, all'interno della lavastoviglie troviamo un piccolo dispositivo, chiamato "addolcitore". Questo impianto ha il compito di "addolcire" l'acqua attraverso le resine di scambio ionico, sostanze in grado di "bloccare" gli ioni di calcio e magnesio, responsabili proprio della durezza dell'acqua.

E il sale, cosa c'entra? Il compito del sale è quello di rigenerare le resine di scambio ionico e con esse l'addolcitore, permettendone così il corretto funzionamento. Dimenticare di mettere il sale significa quindi lasciare che il calcare agisca indisturbato rovinando la nostra lavastoviglie.

Dove mettere il sale nella lavastoviglie? Ogni lavastoviglie è dotata di uno piccolo scompartimento posto sul fondo in cui versare il sale, collegato direttamente all'impianto addolcitore: durante il lavaggio, il sale si scioglie lentamente senza mai entrare in contatto con le stoviglie o nel ciclo del lavaggio, una volta terminata la sua funzione, viene semplicemente espulso con l'acqua di scarico.

Immagine

Come mettere il sale nella lavastoviglie? Per mettere correttamente il sale nella lavastoviglie occorre semplicemente rimuovere il cestello inferiore della lavastoviglie, svitare il tappo dell'addolcitore (facilmente riconoscibile dal simbolo di due frecce) e versare il sale con l'aiuto di un imbuto, in alcuni casi fornito in dotazione.

Ogni quanto? La frequenza con cui occorre riempire il serbatoio dipende da diversi fattori tra cui il modello di lavastoviglie, la durezza dell'acqua e l'intensità con cui la usiamo. Nella maggior parte dei modelli è presente una spia che segnala quando il sale presente nella lavastoviglie sta per terminare; nel caso in cui la spia non sia presente, il consiglio è di controllare almeno una volta al mese il livello di sale.

Perché il sale per lavastoviglie è diverso dal sale da cucina? Entrambi si compongono di cloruro di sodio ed entrambi subiscono un processo di raffinazione: quello adatto per lavastoviglie però si presenta sotto forma di granelli più grandi, simile nella forma al comune sale grosso.

La consistenza e la composizione chimica del sale da lavastoviglie rispondono a delle funzioni molto precise: la dimensione dei grani permette al sale da lavastoviglie di sciogliersi più lentamente, mentre le sostanze anti-incrostanti aggiunte fanno in modo che il sale, una volta sciolto, non si solidifichi nuovamente, evitando così il rischio "tappo".

Possiamo usare il sale da cucina per lavastoviglie? La risposta, come è prevedibile, è no: il "normale" sale da cucina con cui condiamo l'insalata non è adatto per la lavastoviglie perché i grani sottili, sciogliendosi troppo rapidamente, possono bloccare e otturare l'impianto addolcitore. Dove acquistare il sale da lavastoviglie? Lo troviamo facilmente in qualsiasi supermercato, nel reparto detersivi e casalinghi.

Immagine
475
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
475