video suggerito
video suggerito
25 Agosto 2023 16:28

Piatto rotto dal cliente al ristorante: chi paga?

Se un cliente rompe un piatto, un bicchiere, una vetrina al ristorante, chi è tenuto a pagare?

A cura di Redazione Cucina
1570
Immagine

Abbiamo già parlato di cosa fare in caso di danni subiti al ristorante, ma cosa succede se a provocare il danno è il cliente? Se per caso rompiamo un bicchiere, una sedia o qualcosa di simile, siamo noi a doverne rispondere oppure è il ristoratore?

Il caso del piatto rotto sul conto a Maratea

Il caso nasce dal racconto fatto a Fanpage.it di una donna che martedì scorso era in vacanza a Maratea, in provincia di Potenza, con la famiglia. Trovandosi in un ristorante con marito e bimba di 15 mesi, si è vista addebitare un conto maggiorato perché la bambina, con un movimento incontrollato, ha urtato un piatto che si è frantumato sul pavimento. Al momento di pagare, la famiglia si è trovata sul conto un aumento di 20 euro rispetto al normale costo della cena. Il ristoratore, quando la famiglia ha chiesto delucidazioni, ha raccontato di aver addebitato il costo del piatto perché si trattava di una "ceramica artistica".

Secondo le dichiarazioni raccolte da Fanpage.it: "A noi hanno detto che si trattava di un piatto di ceramica artistica prodotto da loro, sicuramente molto grazioso. Il problema non è che ci abbiano fatto pagare una cosa rotta dalla bambina, ci mancherebbe, ma ci ha stupito il fatto che il piatto sia stato addebitato al momento di pagare, senza avvisarci prima. Anche perché il conto noi lo abbiamo controllato quasi per caso".

Chi ha ragione e chi deve pagare

Come nel caso in cui il cliente si sia fatto male e il ristoratore sia tenuto a risarcirlo, la norma vale anche in questo caso, ma al contrario: se il cliente provoca un danno al ristorante è tenuto a risarcirlo. Vale, però il principio dell'usura: se si rompe un piatto, non si è tenuti a comprarne una nuova, ma a pagare per il danno provocato. La cifra è e deve essere sempre proporzionale al valore reale del prodotto rotto. Naturalmente può essere una scelta del ristoratore non chiedere il risarcimento danni al cliente: in questo caso, però, trattandosi di una ceramica artistica, è molto probabile che fosse stata lautamente pagata dal ristoratore.

Immagine
A cura di
Redazione Cucina
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
1570
api url views