ingredienti
  • farina di riso glutinoso 160 gr
  • Zucchero 80 gr • 380 kcal
  • Acqua 200 gr • 0 kcal
  • albicocche piccole 8
  • Confettura di lamponi 8 cucchiaini da caffè • 250 kcal
  • Maizena q.b.
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

I mochi giapponesi sono i celebri dolcetti a base di riso glutinoso, tipici della pasticceria nipponica e legati in particolare alla tradizione dello shōgatsu, il capodanno giapponese. La ricetta originale prevede che il riso venga cotto e successivamente pestato in grandi mortai di legno, fino ad assumere la consistenza di una pasta bianca e collosa; questa viene poi modellata a forma di sfera e farcita generalmente con anko, una confettura di fagioli azuki. Nella nostra versione casalinga, semplice e alla portata di tutti, vengono realizzati con la farina di riso e un ripieno di albicocche fresche e confettura di lamponi. Scoprite tutti i passaggi per confezionarli alla perfezione e offriteli agli amici a fine pasto o merenda, in accompagnamento a una tazza di tè matcha.

Come preparare i mochi giapponesi

mochi giapponesi

Riunite in un pentolino la farina di riso e lo zucchero; versate a filo l’acqua (1) e iniziate a mescolare per evitare la formazione di grumi.

mochi giapponesi

Mettete sul fuoco e fate cuocere a fiamma dolce, mescolando in continuazione e con vigore, finché il composto non inizierà ad addensarsi: ci vorranno circa 15 minuti (2).

mochi giapponesi

Trasferite il composto su un piano di lavoro, spolverizzato con un po' di maizena (3).

mochi giapponesi

Suddividete l'impasto in 7-8 porzioni  e formate dei dischetti (4). Per effettuare questa operazione, sarà necessario cospargere le mani con la maizena.

mochi giapponesi

Disponete sopra ciascun dischetto la metà di una albicocca e poi farcite l’incavo con un cucchiaino da caffè di confettura di lamponi (5).

mochi giapponesi

Chiudete ogni albicocca con la sua metà (6).

mochi giapponesi

Avvolgete l’albicocca con il disco di pasta, cercando di dare una forma sferica al dolcetto (7). Proseguite in questo modo, fino ad aver realizzato tutti i mochi.

mochi giapponesi

Trasferite i mochi in un piatto da portata, accompagnate con una tazza di tè matcha e servite (8).

Consigli

Con le quantità proposte in ricetta otterrete in tutto circa 7-8 mochi.

A piacere, potete realizzare dei mochi colorati: vi basterà aggiungere una punta di colorante alimentare all'impasto a base di farina di riso (vi consigliamo di utilizzare quelli a gel).

Potete gustare i mochi giapponesi anche vuoti, come fossero dei piccoli cornetti, oppure potete farcirli con altra frutta fresca, tipo fragole, lamponi, more, una confettura di frutta o una crema di frutta secca, come quella di nocciole o di mandorle.

A causa della consistenza gommosa e appiccicosa, i mochi giapponesi possono risultare difficili da masticare per bambini e anziani: se ne sconsiglia, pertanto, il loro consumo.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche i dorayaki giapponesi e i melon pan.

Conservazione

I mochi giapponesi si conservano in frigorifero, all'interno di un apposito contenitore ermetico, per almeno 1-2 giorni.