27 Ottobre 2020 17:00

Migliore spianatoia per impastare pizza e pasta fresca

La spianatoia per impastare è un tavolo da lavoro utile per preparare in casa pasta fresca, pizze, biscotti, pane e torte. Ecco quali sono le migliori di quest'anno e come sceglierle valutando fattori come dimensioni e materiali.

A cura di Quale Compro Team
13
Immagine

La spianatoia per impastare è uno strumento da cucina antichissimo che, nonostante l'età, non ha perso per niente il suo fascino. Potremmo definirlo come una sorta di "tavolo da lavoro" al di sopra del quale avviene la lavorazione degli impasti.  La pasta fresca, il pane fatto in casa, le pizze o i biscotti hanno tutti in comune quel profumo di cibo genuino che riporta la mente alle nonne che impastano con le mani piene di farina e amore. Perché non provare a replicare tutto questo a casa propria? Per farlo però, oltre ad acqua, uova e farina, vi serviranno gli strumenti adatti, tra i quali non può mancare la migliore spianatoia per impastare.

Una tavola di questo tipo è fondamentale affinché il vostro impasto sia steso a dovere e possa essere pronto per "trasformarsi" in gustose pietanze. Sono diversi i fattori di cui tener conto quando si deve scegliere un'asse per la pasta in quanto, in particolare online, esistono molte soluzioni. Potreste preferire le tradizionali spianatoie per impastare in legno massello, tra cui le migliori in betulla, faggio, tiglio, ulivo, bambù e multistrato oppure le più moderne assi in acciaio, in marmo o in silicone. In più alcune sono più grandi di altre o presentano una forma rettangolare e quadrata in base alle circostanze.

Insomma sono davvero tanti gli aspetti da considerare per scegliere la migliore spianatoia e in questa guida abbiamo raccolto quelli che secondo noi (e le nonne più esperte) sono i migliori prodotti, oltre ad una serie di indicazioni pratiche e consigli per aiutarvi a scegliere lo strumento che vi permetterà di realizzare al meglio le vostre pietanze genuine da far gustare ad amici e parenti.

1. La spianatoia per impastare in legno

Immagine

La primissima tavola è questa spianatoia per impastare in legno che racchiude tradizione e innovazione. In particolare è realizzata con legno di betulla tra i più resistenti e presenta delle dimensioni ideali per lavorare la pasta.

Un aspetto interessante di questo tagliere per impasto riguarda i bordini rialzati i quali evitano che la farina o l'impasto possano cadere lateralmente, in questo modo si potrà lavorare il tutto senza preoccupazioni. Il prodotto include anche un pratico mattarello, sempre in legno, indispensabile per stendere l'impasto.
Anche la pulizia risulta davvero semplice in quanto basta utilizzare un panno umido e il gioco è fatto.

2. Il tappetino per impastare in silicone

Immagine

Passiamo a un prodotto completamente diverso ovvero questo tappetino per impastare in siliconeIl tappetino in questione è realizzato infatti con un particolare silicone antiaderente, riutilizzabile e resistente il quale permette di lavorare la farina e l'impasto in generale con estrema facilità.

Sul pannello di lavorazione sono inoltre presenti le misurazioni in modo tale da potervi orientare nel momento in cui andrete a stendere il vostro preparato, il che rappresenta senza dubbio un plus per questo prodotto. Grazie al materiale utilizzato, questa asse da impasto in silicone aderisce perfettamente al piano di lavoro in modo da evitare che scivoli durante la preparazione.
Per quanto riguarda il lavaggio basterà risciacquarlo con un panno umido o, al limite, lavarlo in lavastoviglie premunendosi di utilizzare solo i cestelli superiori.

3. L'asse per impastare in acciaio inox OneClod

Immagine

Il terzo prodotto è questa asse per impastare in acciaio inox OneClod. Come avrete senza dubbio capito si tratta di uno strumento realizzato in acciaio inox, tra i migliori materiali sia da un punto di vista della resistenza che della pulizia.

Si tratta di un prodotto dal design elegante perfetto per essere adattato anche come accessorio da cucina per ambienti moderni o come base di appoggio per pentole e pirofile bollenti. Il piano di lavoro è satinato e le dimensioni permettono di lavorare l'impasto in maniera comoda approfittando di ogni angolo per realizzare qualsiasi ricetta al meglio.

4. Il tagliere con bordo reversibile in bambù Relaxdays

Immagine

Il prodotto successivo è realizzato con un materiale davvero interessante in termini di proprietà. Questo tagliere con bordo reversibile in bambù Relaxdays è infatti realizzato con il legno dell'omonimo albero di origine orientale il quale presenta un'ottima resistenza e un design estremamente naturale.

La struttura inoltre è caratterizzata da due bordini, uno che permette di ancorare saldamente l'asse da impasto al tavolo e l'altro utile per evitare alla farina di fuoriuscire sporcando l'intera cucina. Il prodotto è antiscivolo, caratteristica fondamentale in quanto garantisce stabilità all'intera struttura evitando che la base possa spostarsi durante la lavorazione della pasta o dell'impasto in generale.

La superficie è totalmente insapore e inodore in modo da non alterare le vostre pietanze.

5. La base per impastare in marmo Patalano Marmi

Immagine

Se siete alla ricerca di un prodotto qualitativamente più elevato questa base per impastare in marmo potrebbe realmente fare al caso vostro. Come già specificato nell'apertura di questa guida, infatti, il marmo è uno dei possibili materiali con i quali sono realizzate le spianatoie per impastare ed è quello che, senza dubbio, risulta più raffinato da un punto di vista estetico.

Le venature di questo tagliere in marmo si adattano a qualsiasi ambiente domestico e la superficie liscia permette di stendere l'impasto in maniera decisamente fluida. Il prodotto è dotato di un bordino che permette di poggiare comodamente l'asse al tavolo mentre la struttura solida, unita al peso pari a 17 kg, rendono questo accessorio davvero stabile. Impastare anche in maniera energica non sarà più un problema.

L'unica avvertenza è quella di asciugare sempre bene eventuali liquidi in quanto il marmo è un materiale molto poroso e col tempo potrebbe rovinarsi.

Come scegliere la spianatoia per impasto

Dopo questa rapida introduzione in cui abbiamo visto cos'è nello specifico una spianatoia da sfoglia è lecito chiedersi quali siano i criteri per sceglierne una che sia realmente di qualità. Se si effettua una breve ricerca, ma anche semplicemente vedendo i prodotti in alto, ci si rende conto che il mercato offre una quantità di soluzioni pressoché infinita. Esistono però delle caratteristiche distintive che vi permettono di comprendere su quale prodotto orientarvi.

Materiale

Innanzitutto la prima cosa da valutare è il materiale con il quale lo strumento è realizzato.

Le spianatoie in legno, ad esempio, sono tra le più diffuse in quanto estremamente somiglianti a quelle utilizzate dalle massaie di un tempo, anche se con qualche piccola aggiunta. In generale il legno è un ottimo materiale in quanto unisce, in un connubio perfetto, resistenza e design. Le migliori basi per impastare in legno sono quelle realizzate con materiali come il legno di faggio, betulla, abete, tiglio, bambù, ulivo o anche multistrato, ovvero un mix tra diverse tipologie di varia provenienza. Il legno è inoltre un materiale che trattiene in maniera ottimale il calore e, proprio per questo, è considerato tra i migliori per l'impastamento e la lievitazione.

Una piccola precisazione merita la spianatoia in legno per impastare fai da te. In molti credono che costruirsi da soli un accessorio di questo tipo sia una buona idea ma, nella maggior parte dei casi, non lo è. Questo perché costruendosi da sé una spianatoia si può correre il rischio di commettere qualche errore o di utilizzare i materiali errati con conseguenze anche sulla qualità degli impasti che si andranno a realizzare.

Altro materiale molto interessante è l'acciaio. La modernità, si sa, richiede tempistiche più rapide e processi più brevi e, in virtù di questo, nel corso degli ultimi anni il legno è stato sostituito dal più freddo acciaio. La spianatoia in acciaio inox, pur perdendo il fascino caratteristico dell'antichità, presenta numerosi pregi. Innanzitutto questo materiale è molto resistente e, se vogliamo, praticamente indistruttibile. Potete star sicuri che non si romperà semplicemente cadendo a terra.
In più l'acciaio è ottimo contro germi e batteri oltre ad essere incredibilmente semplice da pulire. Dulcis in fundo, ma non certo per importanza, una base per impasto in acciaio rappresenta un ottimo elemento d'arredo per cucine moderne in virtù del suo design.

Il tappetino per impastare in silicone rappresenta una valida alternativa ai modelli visti fino ad ora. Il silicone è un materiale molto flessibile che può essere piegato, arrotolato e riposto con una certa facilità. In più, tra i pro di questo tipo di prodotto, c'è da aggiungere anche il fatto che il costo generalmente sia più contenuto rispetto agli altri.
Molte persone non amano particolarmente le spianatoie per impastare in silicone in quanto queste tendono a essere meno stabili e quindi a risultare fastidiose quando si lavora con l'impasto anche se, a dirla tutta, esistono tanti modelli che aderiscono perfettamente al tavolo evitando questo problema.
Il consiglio a tal proposito, prima di acquistare una spianatoia in silicone, è quello di verificare che la base sia aderente.

Infine abbiamo "sua maestà" la spianatoia in marmo per impastare. Il marmo è senza dubbio un materiale più pregiato rispetto agli altri e, proprio per questo, presenta tantissimi vantaggi. In primis ha un design estetico molto raffinato che si adatta perfettamente a qualsiasi tipo di cucina donandogli un tocco in più e, in secondo luogo, la superficie di lavoro è ottima per stendere la pasta o altre leccornie proprio perché estremamente liscia e levigata.
Per quanto bello, però, il marmo è anche estremamente sensibile a graffi ed escoriazioni quindi il consiglio che vi diamo è di non utilizzare mai tagliapasta su questa superficie.

Dimensioni

Il secondo fattore da tenere in considerazione sono le dimensioni. Bisogna infatti considerare che in commercio esistono spianatoi per impasto dalle dimensioni più disparate, adatti naturalmente a tipologie di lavoro diverse tra loro.

Esistono basi più grandi e basi più piccole, a loro volta utilizzabili in base al tipo di pietanza che si deve preparare. Il consiglio che vi diamo a tal proposito è di scegliere il prodotto in base a ciò che dovete fare. Se dovete preparare la pasta o il pane potrebbe andar bene anche un accessorio di medie dimensioni mentre, magari, per preparare la pizza (o più pizze) potrebbe essere meglio sceglierne una più grande.

Forma

Quando valutate l'acquisto di una spianatoia da impasto tenete conto anche della forma di quest'ultima. Generalmente le due forme principali sono rettangolare e quadrata. La prima risulta un tantino più grande ed è perfetta per preparare dolci di grandi dimensioni ma anche grandi quantità di pasta o pizza, mentre la seconda, solitamente più piccola, va bene per impasti veloci e da infornare in fretta.

In più moltissimi accessori presentano la cosiddetta "forma a L" ovvero caratterizzata da un bordino inferiore che permette di fissare la base al tavolo in modo tale che non si muova. Questo tipo di caratteristica è valida naturalmente solo per i prodotti in legno, acciaio e marmo ma può essere fondamentale in quanto rende il piano di lavoro molto più stabile. In ultima analisi considerate la presenza dei bordini superiori in quanto evitano che impasto, farina o condimenti possano cadere dalla base.

Pulizia e manutenzione

Infine come ultimo fattore tenete conto anche della pulizia della vostra spianatoia. Affinché lo strumento da cucina sia sempre efficiente è fondamentale che la superficie sia completamente pulita in modo da evitare che residui di cibo o sporco possano essere assorbiti dalla pasta alterandone il sapore. A tal proposito è importante specificare che la pulizia varia da materiale a materiale.
Per quanto riguarda le basi da impasto in acciaio, marmo o silicone basterà passare un panno bagnato in modo da eliminare lo sporco.

Il legno è invece un materiale più delicato è merita una certa cura. Evitate l'utilizzo di agenti chimici e, prima dell'utilizzo, cospargete il legno con olio d'oliva in modo da formare una patina. Così facendo il piano di lavoro si manterrà estremamente più pulito e il materiale non si deteriorerà col tempo.

Come pulire la spianatoia in legno

Affinché il vostro accessorio da cucina sia sempre performante è fondamentale che effettuiate con attenzione tutte le fasi di pulizia. Naturalmente in base al tipo di materiale potrebbero volerci delle cure differenti anche se, in linea generale, le spianatoie da impasto si puliscono in maniera molto semplice.
Dopo aver impastato, infatti, è sufficiente passare un panno umido sulla base di lavoro in modo da rimuovere tutti i residui.

Rispetto a tutti gli altri materiali il legno è quello che necessita di maggior cura. Come detto il miglior legno per spianatoia è il faggio così come il bambù, l'abete e l'ulivo i quali sono anche molto delicati. Importantissimo a tal proposito è evitare l'utilizzo di agenti chimici in quanto potrebbero lasciare dei residui che poi verrebbero assorbiti dall'impasto per il pane o per la pasta. Per igienizzare e scrostare al tempo stesso potreste pensare di utilizzare un mezzo limone intinto nel sale da strofinare delicatamente sulla superficie. In questo modo otterrete il medesimo risultato.

Per le incrostazioni più ostinate potete servirvi di una spatola da cucina o uno spazzolino alternando, al sale, il bicarbonato di sodio.

Come già accennato il piano per impastare la pasta fresca in legno è senza dubbio quello più delicato e che necessita anche di una maggiore manutenzione. Il legno infatti è un materiale altamente poroso e assorbente il quale, a lungo andare, rischia di rovinarsi a furia di essere utilizzato. Un'operazione che vi consigliamo di fare sempre prima di utilizzare la vostra tavola da impasto è quella di cospargere la superficie con dell'olio d'oliva.
Quest'ultimo infatti ha la capacità di formare una sorta di patina che non solo protegge il materiale dall'usura durante l'intero processo ma, al tempo stesso, facilita le operazioni di preparazione rendendole più fluide.

A tal proposito ci teniamo a ricordarvi che, nel momento in cui andrete a ripulire la tavola in legno, dovrete naturalmente ripetere l'operazione di spargimento dell'olio in quanto la patina andrà via.

Dove conservare la spianatoia di legno

Concludiamo questa guida con una piccola chicca che riguarda la conservazione della vostra spianatoia. Molte persone credono che questo strumento da cucina vada conservato come un qualsiasi recipiente ma in realtà non è così. Come abbiamo già detto il legno è un materiale davvero molto delicato ed è importante prendere le giuste precauzioni.

Il consiglio che vi diamo è di avvolgerlo sempre in un tessuto traspirante in modo tale che possa arieggiare premurandovi di evitare luoghi eccessivamente umidi per scongiurare la formazione di funghi o muffe.

Ora siete pronti per sbizzarrirvi con pasta, pizze e dolci di ogni tipo. Buon impasto!

13
I contenuti Quale Compro sono redatti da un team di esperti, esterni alla redazione Cookist, che analizza, seleziona e descrive i migliori sconti, prodotti e servizi online in maniera affidabile ed indipendente. In alcune occasioni, viene percepita una commissione sugli acquisti effettuati tramite i link presenti nel testo, senza alcuna variazione del prezzo finale.

Per eventuali informazioni o segnalazioni scrivere a qualecompro@ciaopeople.com

Immagine
quale compro

La tua guida per lo shopping

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
13