Il lievito di birra è un alleato fondamentale in cucina, soprattutto per la preparazione di pane, focacce e pizze. Si ricava dalla fermentazione della birra e si trova o sotto forma di panetto, lievito fresco, o sotto forma di povere in bustina, lievito secco. In genere il lievito fresco ha una data di scadenza molto ravvicinata, quindi in frigo non dura più di una settimana o 10 giorni al massimo. La domanda sorge quindi spontanea: il lievito di birra scaduto si può usare si o no?

Per evitare di correre rischi di salute, o di preparare impasti non lievitati, è bene evitare di usare il lievito di birra scaduto. Innanzitutto, nel caso di un panetto di lievito già aperto, è preferibile conservarlo in frigo ben chiuso in un contenitore ermetico, oppure avvolto nella pericola trasparente. Questo perché il lievito tende a deteriorarsi molto velocemente, quindi è meglio che non prenda aria.

Chiaramente le date di scadenza del lievito sono indicative ed è possibile consumarlo anche due, massimo tre giorni dopo la scadenza. Ad ogni modo è bene saper riconoscere un panetto che si può ancora utilizzare da uno che è da buttare. Con questa guida, vi spieghiamo come capire se il lievito di birra è scaduto e come, eventualmente, riciclarlo per altri usi.

Come capire se il lievito è scaduto

Il primo indicatore per capire se il lievito di birra fresco è scaduto è il colore. Normalmente il lievito è di una tonalità molto simile al beige: se il vostro panetto tende al grigio, molto probabilmente, non si può più utilizzare. A maggior ragione, se presenza delle macchie, delle muffe o ogni tipo di alterazione in superficie.

Potrebbe anche capitare però, che il panetto di lievito, pur essendo scaduto, non presenti nessuna alterazione. Per verificare se potete ancora utilizzarlo, immergete il cubetto in un bicchiere di acqua leggermente tiepida. Aggiungete un cucchiaino di zucchero e mescolate: se il liquido forma delle bollicine in superficie, è ancora utilizzabile per lievitare perché significa che è ancora attivo.

Cosa fare con il lievito scaduto

Se siete arrivati alla conclusione che il vostro panetto di lievito non si può più utilizzare perché è scaduto, aspettate a gettarlo nella spazzatura, perché potete riciclarlo per altri utilizzi. Il lievito è infatti ricco di  ricco di sostanze nutritive, come proteine, aminoacidi essenziali, sali minerali e soprattutto vitamine B.

Il lievito di birra scadutopuò essere utilizzato per fertilizzare le piante in modo naturale. Ricco di vitamine e nutrienti, il lievito fresco, come quello secco, è un valido aiuto per stimolare la crescita di piante e fiori, in particolare di rose e gerani. Sciogliete un cubetto di lievito fresco, o una bustina di quello secco, in circa 3 litri d'acqua e usatela per annaffiare, una volta alla settimana, le piante da balcone.

In alternativa, usate il lievito scaduto per la cura della pelle. Contrariamente a quanto si pensi, il lievito è un ottimo alleato soprattutto per la pelle grassa o mista, soprattutto quella colpita dall'acne. Dona luminosità e libera la pelle dalle impurità più profonde. Preparate delle maschere per il viso a base di lievito di birra e miele, sciogliendo mezzo panetto in un po' d'acqua tiepida. Amalgamate gli ingredienti e stendetela sul viso. Lasciate asciugare per circa 20 minuti e risciacquate con abbondante acqua tiepida.