La Colatura di alici di Cetara è ufficialmente un prodotto Dop. Lo ha deliberato la Commissione Europea dopo un iter burocratico lunghissimo, durato oltre 5 anni: la colatura è adesso la specialità alimentare numero 308 ad essere tutelata dall'UE come prodotto a indicazione geografica.

Lucia Di Mauro, presidente dell'Associazione per la valorizzazione della Colatura di Alici di Cetara, ha detto che questa è una "data storica, ringrazio la Regione Campania e il Comune di Cetara per il sostegno.  Ora possiamo procedere verso la fase più interessante di tutte: quella della produzione. Occorrono nove mesi minimo di maturazione delle alici nei terzigni e botti di legno, il che significa l'arrivo sugli scaffali della Colatura di Alici di Cetara Dop nel 2021″.

Ottenere una Dop è molto importante perché il valore economico delle denominazioni in Italia ha superato i 16 miliardi lo scorso anno, con una crescita del 6% sull'anno precedente. L'Italia mantiene un primato mondiale con 824 prodotti tra Dop, Igp e Stg, pensate che oltre un prodotto su quattro al mondo registrato con una di queste denominazioni è italiano.

Cos'è la Colatura d'alici di Cetara

La Colatura di alici è un prodotto tipico di Cetara, in Costiera Amalfitana, ottenuto grazie alla fermentazione delle alici pressate in botti e sotto sale. Le sue origini risalgono all’Antica Roma e ancora oggi viene prodotta come tanti secoli fa.

Detta in parole povere, si tratta di un fermentato: le alici vengono lasciate maturare in una soluzione di acqua e sale per diverso tempo, a seconda della scelta della produzione. Il piatto tipico della cittadina costiera è lo spaghetto con la colatura d'alici, ma la colatura è una salsa adatta a qualsiasi pietanza.

Dalla tartare all'insalata, alcuni chef molto importanti hanno elevato questo prodotto rendendolo un'eccellenza ambita dalle più grandi cucine del mondo. Parliamo di cuochi come Antonino Cannavacciuolo, chef 2 Stelle Michelin che riesce a inserire il condimento in piatti tipici piemontesi creando una sintesi tra Nord e Sud unica nel suo genere; o come Pasquale Torrente nel suo Al Convento proprio a Cetara, recentemente inserito nella classifica delle migliori 50 trattorie d'Italia per la 50 Top Italy, un cuoco che esalta la tradizionalità della colatura. Per terminare con Peppe Guida, un esponente dell' "altra" costiera, quella Sorrentina: la colatura di alici di Cetara per Peppe Guida è un ingrediente perfetto sia nei piatti gourmet, che nei piatti semplici come la sua pasta e patate.