20 Febbraio 2022 15:00

Forchetta o cucchiaio? Come usare le posate secondo il galateo

Come si usa la forchetta? Gli spaghetti hanno bisogno del cucchiaio? E riso allora? Usare le posate è una cosa che diamo quasi per scontata, ma le regole da seguire sarebbero tante. Ecco quali sono.

A cura di Rossella Croce
1161
Immagine

Il brodo con il cucchiaio, la pasta con la forchetta e il pane con le mani: conoscete davvero le regole del galateo sull'utilizzo delle posate a tavola? Non solo la corretta postura e i gomiti lontano dal tavolo, per il galateo mangiare correttamente passa soprattutto per la scelta, la postazione e l'uso corretto delle posate: ecco cosa mangiare con la forchetta, quando e come impugnare il coltello e cosa fare con il cucchiaio ma ricordate che dire "buon appetito" non è sempre segno di buona educazione.

Come si usa la forchetta

Immagine

Più o meno piccola, da primo o da pesce: la forchetta è la regina della tavola ma questo non vi autorizza a usarla senza un criterio ben preciso. Con la sola forchetta si mangia ogni tipo di insalata e le verdure cotte (nel caso siano piselli potrete aiutarvi con il pane) ma anche tutti i primi piatti a base di pasta o riso (no, secondo il galateo il risotto non si espande sul piatto per farlo raffreddare, non si fa).

Con il supporto del coltello, invece, useremo la forchetta per mangiare secondi piatti di carne o pesce (con la forchetta predisposta). Con quale mano si impugna la forchetta? Per primi piatti e verdure la forchetta si usa con la mano destra, se previsto l'utilizzo anche del coltello la forchetta andrà a sinistra: molto probabilmente questa regola proveniva da dettami religiosi che nel tempo però hanno perso valenza. Dovrebbe essere superfluo ma nel dubbio meglio sottolinearlo: è la forchetta che va alla bocca, non il contrario.

Coltello e cucchiaio

Per gustare preparazioni liquide come minestre, passati, vellutate e brodi la scelta obbligata è ovviamente il cucchiaio. Semplice direte voi, e invece no, perché anche nell'uso del cucchiaio ci sono delle regole da rispettare: se state assaporando una minestra allora il cucchiaio dovrà essere portato alla bocca di punta, in caso di brodo invece il cucchiaio arriverà alla bocca di lato.

Il coltello è senza dubbio l'aiutante più fidato della forchetta: sulla tavola troviamo quello da carne alla destra del piatto con la lama rivolta verso il piatto, seguito da quello per il pesce. Come tagliare? Anche in questo caso c'è una regola: carne e pesce si tagliano un boccone alla volta, tagliare la vostra bistecca prima in tanti pezzi e poi iniziare a mangiarla non solo non sembra una grande idea ma è anche "vietato" dal bon ton.

Immagine

Il "caso" spaghetti

Sarà capitato anche a voi quell'amico che difronte a un piatto di spaghetti fumanti, chiede di avere un cucchiaio: sgomento generale dei commensali e qualche risatina saranno d'obbligo, così come probabilmente sarà automatico chiedersi "ma gli spaghetti, secondo il galateo, come si mangiano?"

Per comodità o per evitare fastidiosi schizzi, molti utilizzano il cucchiaio per "accompagnare" gli spaghetti e girarli più facilmente intorno alla forchetta; secondo alcuni fino a qualche tempo fa questa abitudine era considerata perfino segno di eleganza ed educazione (in particolare a Napoli) eppure, secondo il galateo, forchetta e coltello non vanno mai usati insieme: gli spaghetti si mangiano solo con la forchetta come del resto ogni tipo di primo piatto a basta di pasta, corta o lunga che sia. La forchetta andrà inclinata leggermente in senso orizzontale per prendere e arrotolare non più di tre spaghetti alla volta così da evitare bocconi troppo grandi o fili pendenti.

Immagine

Con le mani

Dopo aver visto il corretto utilizzo delle posate possiamo finalmente dedicarci all'annoso e forse mai risolto quesito: ci sono alimenti che, secondo il galateo, possono essere mangiati con le mani? Contro ogni aspettativa la risposta è sì, diverse sono infatti le pietanze che possiamo assaporare con le mani. Primo fra tutti il pane: tagliato in piccoli pezzi e gustato un boccone alla volta va mangiato con le mani, così come i grissini e la pizza al taglio; proprio sulla pizza, vogliamo svelare un piccolo segreto: quella al piatto in realtà andrebbe mangiata con forchetta a coltello, ma non ditelo ai vostri amici napoletani, potrebbero avere un mancamento.

Immagine

Ciliegie, amarene, fragole e lamponi si mangiano con le mani a meno che non siano serviti in coppetta perché in quel caso andrebbe usato il cucchiaio. E l'uva? L'abbiamo volutamente lasciata come ciliegina finale: secondo il galateo potete usare le mani ma dovrete far attenzione a tenere il grappolo con la mano sinistra e prendere un acino alla volta, con la mano destra.

1161
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
1161