ingredienti
  • Per l'impasto
  • Farina 0 300 gr • 750 kcal
  • Farina di semola rimacinata di grano duro 200 gr
  • Acqua 380 ml • 750 kcal
  • Strutto 30 gr • 892 kcal
  • Lievito di birra 10 gr • 750 kcal
  • Sale • 1 kcal
  • Per la farcitura
  • Scarola 1 cespo
  • Pomodori 2
  • Acciughe sott’olio o sotto sale 7-8
  • Provola 100 gr • 21 kcal
  • Olio extravergine di oliva 2 cucchiai • 79 kcal
  • sale e pepe • 661 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La focaccia messinese, chiamata in alcune zone chiamata alla messinese, è una specialità tipica della gastronomia siciliana. Preparata in tutti i panifici e le rosticcerie di Messina, ma diffusa anche nel resto della Sicilia orientale (seppure con qualche variazione), si caratterizza per un impasto alto, soffice e ben alveolato a base di farina 0, semola e strutto. Per tradizione viene condita con scarola, acciughe, provola e pomodori, ingredienti che la rendono leggermente umida, saporita e compatta, e poi cotta nei forni a legna. Farla in casa? Un gioco da ragazzi, a patto di seguire passo passo la nostra ricetta.

Come preparare la focaccia messinese

focaccia messinese

Preparate l'impasto: riunite in una ciotola le farine, il sale e il lievito di birra sbriciolato; versate a filo l'acqua e lo strutto a fiocchetti (1), iniziando a lavorare con le mani.

focaccia messinese

Quando l'impasto sarà ben amalgamato, trasferitelo su una spianatoia (2) e lavoratelo a lungo ed energicamente, fino a ottenere un panetto liscio e sodo. Rimettetelo nella ciotola, coprite con un canovaccio pulito e lasciate lievitare fino al raddoppio del volume iniziale.

focaccia messinese

Trascorso il tempo di lievitazione, riprendete l’impasto e stendetelo con delicatezza in una teglia rettangolare da 30×40 cm (3). Copritelo nuovamente e lasciatelo riposare per altri 30 minuti.

focaccia messinese

Intanto lavate e mondate la scarola. Distribuite le foglie crude sopra l'impasto e irrorate con 2 cucchiai di olio. Aggiungete le acciughe, ben scolate dall'olio di conservazione e leggermente spezzettate (4).

focaccia messinese

Lavate i pomodori, tagliateli a fette spesse circa 1-2 cm e sistematele sopra (5). Aggiungete un pizzico di sale.

focaccia messinese

Tagliate la provola a fettine sottili e distribuitele sui pomodori, fino a coprire tutti gli altri ingredienti (6). Completate con una macinata di pepe. Infornate la focaccia in forno già caldo a 230 °C: i primi 10 minuti mettete la teglia direttamente sulla base del forno, quindi spostatela in alto per altri 10-12 minuti, finché il formaggio non si sarà ben sciolto.

focaccia messinese

Trascorso il tempo di cottura, sfornate la focaccia e tagliatela in 8 rettangoli. Distribuiteli nei piatti individuali e servite (7).

Consigli

Per ottenere un risultato impeccabile, è fondamentale utilizzare lo strutto e non l'olio: quest'ultimo, infatti, non conferirebbe alla focaccia la sua tipica croccantezza.

Se utilizzate delle acciughe sotto sale, abbiate l'accortezza di pulirle accuratamente, eliminando pelle e lische, passarle sotto l'acqua corrente fredda e poi lasciarle in ammollo in un contenitore con aceto e abbondante acqua per circa un'ora. Per evitare che il ripieno sia troppo sapido, anche per la presenza delle acciughe, non eccedete con il sale.

Ricordatevi di acquistare una farina 0 specifica per pizza e lievitati. Per questo impasto dovete utilizzare una teglia rettangolare da 30×40 cm: in tutto otterrete circa 8 fette.

In sostituzione del lievito di birra, potete usare il lievito madre: per 500 grammi di farina vi serviranno circa 140 grammi di lievito rinfrescato.

Curiosità

Nota fin dagli inizi del Novecento, questa preparazione ha assunto forma e caratteristiche attuali all'inizio del secondo dopoguerra.  Tradizionalmente viene farcita con scarola, pomodori a pezzi, acciughe e formaggio, in genere tuma o mozzarella. Nella zona dei Nebrodi, in sostituzione della tuma, viene utilizzata la provola.

La focaccia messinese condivide gran parte dei suoi ingredienti con un altro simbolo della gastronomia locale: il pidone messinese, un rustico a forma di mezzaluna farcito con scarola o indivia riccia, tuma, acciughe sotto sale e pepe. Questa sorta di calzone viene proposto sia fritto sia cotto in forno in tutte le rosticcerie della zona.

Un'altra focaccia, altrettanto celebre ma tipica del Ragusano, è la scaccia siciliana, street food tra i più ghiotti e apprezzati.

Conservazione

La focaccia messinese si conserva in frigorifero, chiusa in un apposito contenitore ermetico, per 1-2 giorni. Al momento di consumarla, rimettetela in forno per una decina di minuti o comunque finché il formaggio non si sarà ben sciolto: sarà buona come appena sfornata.