Le acciughe sotto sale sono un ingrediente povero, tipico della tradizione culinaria ligure: una tecnica di conservazione che permette di averle a disposizione per lunghi periodi e di usarle per insaporire le nostre ricette. Le acciughe sono un ingrediente molto economico, spesso sottovalutato ma ricco di omega-3, sali minerali e vitamine: un alimento che non dovrebbe mancare nella nostra dieta, che può davvero impreziosire i nostri piatti. Le avete intraviste nel banco frigo o qualche amico ligure ve ne ha regalato un'arbanella piena di alici (ovvero un barattolo di vetro) fatta con le sue mani e non vedete l'ora di assaporarle? Prima di mettersi ai fornelli, è fondamentale che puliate le vostre acciughe sotto sale: come fare e perché è importante farlo nel modo corretto? Con poche e semplici mosse e qualche trucco per non sbagliare, ecco come pulire le acciughe sotto sale.

Come pulire le acciughe sotto sale

Dissalare le acciughe è un'operazione semplice ma che richiede qualche accortezza. Per farlo alla perfezione, procedete così:

  • Una volta aperto il barattolo, troverete le acciughe intere e senza testa;
  • non lavate le acciughe sotto acqua fredda corrente;
  • sistematele in un piatto fondo con del vino bianco da cucina (in alternativa potete utilizzare una miscela di acqua e aceto bianco);
  • sciacquatele delicatamente senza aprirle ed eliminate il sale in eccesso;
  • una volta private del sale, asciugate le acciughe con un panno o un foglio di carta da cucina;
  • a questo punto eliminate la pinna posteriore, aprite le acciughe e tirate via la lisca interna;
  • otterrete due filetti che potrete separare o tenere uniti, in base alla ricetta che andrete a preparare.

Come usare le acciughe dissalate

Una volta libere dal sale che ne garantisce una buona conservazione, come possiamo usare le acciughe in cucina, in piatti golosi? Il sapore deciso di questi piccoli pesci fa si che siano buonissime semplicemente su una fetta di pane caldo tostato, con uno strato di burro spalmato, per una classica merenda italiana ricca di sapore. Se preferite sapori più decisi, condite le acciughe pulite con un filo di olio extravergine di oliva, del prezzemolo fresco, aglio e peperoncino tritato: potete servirle come antipasto o come secondo piatto e in questo modo potrete anche conservarle in frigorifero per un massimo di due giorni. Se vi piacciono i grandi classici della tradizione, vi consigliamo di provare i bigoli con alici (non abbiamo confuso le cose e se non vi fidate potete dare un occhio alle differenze tra alici e acciughe). Acciughe fritte? Certo che sì: vi basterà passarle nella farina e tuffarle nell'olio bollente.