Il pangrattato è un ingrediente immancabile nelle nostre dispense, un alleato prezioso per panature croccanti e piatti gratinati al forno che tutti dovrebbero avere sempre a portata di ricetta. Molto semplice da preparare in casa, il pangrattato è anche un'ottima ricetta di recupero che ci permette di riutilizzare il pane raffermo in modo furbo e genuino ma che, se conservato in modo scorretto, potrebbe inumidirsi e rovinarsi. Se anche a voi è capitato di dover buttare quella confezione di pangrattato appena acquistata, forse avrete commesso qualche errore nella conservazione. Niente paura, seguite i nostri consigli e conserverete il pangrattato fresco e profumato per molto tempo.

Come fare il pangrattato in casa

Preparare del pangrattato di buona qualità in casa così da poterlo avere sempre a portata di ricetta è davvero molto semplice. Se volete fare il pangrattato in casa a partire dal pane raffermo, non dovrete far altro che frullarlo con l'aiuto di un mixer o di un frullatore (andrà bene del pane casereccio, del pancarré o anche dei panini).

Come preparare del pangrattato con del pane fresco? Vi basterà spezzettare il pane e tostarlo in forno per 10 minuti a 180 °C, oppure in padella, prima di frullarlo con un mixer. Una volta pronto potrete utilizzare il pangrattato per le vostre ricette o conservarlo: in questo secondo caso vi consigliamo di farlo "asciugare" nuovamente in forno per 10 minuti a 180 °C prima di lasciarlo asciugare e riporlo nel contenitore adatto alla conservazione.

Come conservare il pangrattato

Una volta preparato in casa o acquistato, il pangrattato può essere conservato per lungo tempo, purché si seguano poche e semplici trucchi. Il modo migliore per conservare il pangrattato è tenerlo in un barattolo di vetro, meglio se di quelli con chiusura ermetica con un tappo di gomma, e di aggiungere al barattolo una foglia secca di alloro, ottima per contrastare la comparsa di insetti e la formazione di muffe o umidità che comprometterebbero una buona conservazione.

Dove conservare il pangrattato? Sempre meglio in un luogo fresco e asciutto della cucina, lontano da fonti di calore e possibilmente buio: uno scompartimento lontano dal piano cottura andrà benissimo. In questo modo potrete conservare il pangrattato e averlo sempre fresco e a disposizione fino a sei mesi.

Si può congelare il pangrattato? Il nostro consiglio è di evitare di farlo a meno che non siate in possesso di una macchina per il sottovuoto: il congelamento infatti implica l'inevitabile formazione di umidità che potrebbe inficiare una buona conservazione.