ricetta

Carciofini sott’olio: la ricetta tradizionale della conserva

Preparazione: 40 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 6 persone
A cura di Redazione Cucina
107
Immagine
ingredienti
Dose per 2 vasetti
Carciofi
2 Kg
Aglio
2 spicchi
Origano
q.b.
Prezzemolo
q.b.
Aceto bianco
1 litro
Acqua
1 litro
Limone
1
Sale grosso
q.b.
Olio extravergine di oliva
q.b.
Olio di semi d’arachide
q.b.

Quella dei carciofini sott'olio è una ricetta tipica della cucina mediterranea che rientra a pieno titolo tra le conserve da servire come antipasto o come contorno.

Conosciuti anche come i carciofini alla contadina, sono diffusi e apprezzati soprattutto in Campania, in Puglia e in Sicilia.

Se conservati a dovere, i barattolini possono durare a lungo, in modo da gustare i carciofini non solo in primavera, quando sono di stagione, ma tutto l'anno.

I tempi di preparazione sono brevi e i passaggi da seguire sono semplici, ma dovrete comunque avere pazienza: affinché si insaporiscano a dovere, è bene aspettare una decina di giorni, prima di consumarli.

Ecco i passaggi per preparare i carciofini sott'olio in modo semplice, proprio secondo la ricetta fatta in casa dalla nonna: che si tratti della ricetta napoletana, della ricetta siciliana o della ricetta pugliese, il risultato non vi deluderà.

Come preparare i carciofini sott'olio

Cominciate a pulire i carciofi: eliminate le foglie più esterne e dure e tagliate le foglie del carciofo a metà altezza. Tagliate poi i gambi eliminando la parte più dura1. Se tagliate i carciofi a fette: divideteli prima a metà ed eliminate la peluria centrale. Sistemate i carciofi in una ciotola con acqua fredda, succo di limone e sale, così da non farli annerire, e lasciateli in acqua per circa 2 ore 2. Riempite poi una pentola capiente con acqua e aceto e, non appena arriverà a bollore, scolate i carciofi e versateli in pentola. Lasciate cuocere per una decina di minuti, scolateli e fateli raffreddare su un canovaccio pulito, lasciandoli asciugare per almeno un paio d'ore. Sistemate ora i carciofi nei vasetti di vetro precedentemente sterilizzati, con l'aglio tagliato a fettine, l'origano e il prezzemolo, e sistemateli in modo che aderiscano tra loro. Coprite interamente con olio d'oliva e di semi in parti uguali. Chiudete i vasetti ermeticamente e lasciateli riposare in dispensa, o in luogo buio e asciutto, per una decina di giorni, prima di consumarli3.

Consigli

Al posto dell'aceto di vino potete utilizzare anche l'aceto di mele e sostituire il prezzemolo con la mente che donerà un sapore più fresco. Chi preferisce potrà poi aggiungere il pepe in grani o il peperoncino: tagliatelo in piccoli pezzettini e inseriteli nel barattolo insieme all'aglio e alle erbe aromatiche.

Se decidete di servire i carciofini sott'olio come aperitivo, potete affiancarli con delle deliziose olive in salamoia, con le quali creano un abbinamento gradevole per il palato.

Se preparate i cuori di carciofo interi, dopo la cottura in acqua e aceto, lasciateli scolare sul canovaccio a testa in giù, fino a quando non saranno completamente raffreddati.

Varianti

Se non volete cuocere i carciofini, potete optare per la versione della ricetta che prevede di utilizzare i carciofini a crudo. I passaggi da seguire sono gli stessi, ma, invece di bollire i carciofini, prima di immergerli nella mistura di olio e aceto passateli nel limone e nella farina, in modo che non anneriscano.

Come conservare i carciofini sott'olio

Se conservati all'asciutto, lontani da fonti di calore e in un vasetto chiuso ermeticamente, i carciofini sott'olio possono rimanere in dispensa anche per un anno. Una volta aperti, però, teneteli in frigo e consumateli entro una settimana.

107
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Ricette
Lascia un commento
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
107