ingredienti
  • Costolette d’agnello 8
  • Olio extravergine d’oliva 50 gr • 29 kcal
  • Aglio 2 spicchi • 79 kcal
  • Rosmarino 1 rametto • 661 kcal
  • Sale fino q.b. • 21 kcal
  • pepe q.b. • 79 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

L'abbacchio a scottadito è una specialità della cucina romana, oggi diffusa anche in altre regioni. Squisite costolette di agnello alla brace da gustare caldissime, tanto da scottarsi le dita: da qui il nome della pietanza. La carne ideale per realizzare questa ricetta è quella dell'agnellino di latte, chiamato tradizionalmente "abbacchio". La preparazione non è difficile, vi basterà infatti marinare le costolette e cuocerle alla brace o su una padella di ghisa per pochi minuti. È importante però seguire dei preziosi accorgimenti, che vanno dalla selezione della carne alla preparazione, per realizzare un abbacchio a scottadito davvero eccezionale in poco tempo.

Come preparare l'abbacchio a scottadito

Tirate fuori le costolette di agnello dal frigo un'ora prima di prepararle (1). Battetele con l'aiuto di un batticarne. In una ciotola capiente mettete l'olio extravergine, l'aglio e il rosmarino, mescolate e immergetevi le costolette. Copritele e lasciate marinare per almeno 30 minuti, così da farle insaporire. Adagiatele sulla piastra ben calda e cuocetele a fuoco medio-alto per 3-4 minuti per lato, o fino a doratura (2). Una volta pronte, mettete le costolette in un piatto, copritele con della carta alimentare e fatele riposare per 2 minuti. Salate, pepate e servitele subito (3). Il vostro abbacchio a scottadito è pronto per essere gustato ben caldo: da mangiare rigorosamente con le mani.

Consigli

Quando acquistate le costolette dal vostro macellaio, assicuratevi che la carne sia di un colore rosa chiaro e che non ci siano macchie scure.

Non dimenticate di tirarle fuori dal frigo un'ora prima di cuocerle, altrimenti potrebbero raffreddare la piastra, compromettendo il risultato finale.

Cuocete l'abbacchio a scottadito preferibilmente su una piastra in ghisa, perché mantiene meglio la temperatura. In alternativa utilizzare una buona padella antiaderente.

Attenzione a non bucherellare con la forchetta le costolette di agnello, per evitare che i succhi interni fuoriescano.

Chi preferisce può evitare la fase di marinatura: la gusterete così al naturale, senza aromi. In questo caso, asciugate bene le costolette con carta da cucina, ungetele con olio extravergine, per evitare che si attacchino alla piastra calda, e cuocetele per 3-4 minuti per lato. Le costolette non devono cuocere per molto tempo, altrimenti la carne diventa dura.

Tradizionalmente l'abbacchio a scottadito va servito senza contorno. Potete però accompagnarlo con un'insalata mista e uno spicchio di limone, patate al forno, cicoria in padella ripassata con aglio, olio e peperoncino, o verdure di stagione grigliate.