ingredienti
  • Fave fresche con il baccello 2 Kg
  • Pancetta 100 gr • 661 kcal
  • Olio extravergine d’oliva 2 cucchiai • 29 kcal
  • Aglio 1 spicchio • 79 kcal
  • Finocchio selvatico 1 mazzetto
  • Vino bianco 1/2 bicchiere • 21 kcal
  • Sale fino q.b. • 21 kcal
  • pepe q.b. • 79 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Le fave in porchetta sono una pietanza tipica marchigiana, una ricetta della cucina contadina dal sapore forte e dal profumo deciso. Una preparazione nata dalla necessità di non buttare le fave vecchie, troppo grandi e dure e quindi non più adatte ad essere mangiate fresche: con la cottura, infatti, diventeranno morbide e saporite. In questa ricetta, le fave saranno cotte in un tegame con la pancetta e l'aglio e profumate con l'aggiunta di finocchio selvatico: il risultato finale sarà una pietanza gustosa, da servire con una spolverata di pepe. Ma ecco come prepararle.

Come preparare le fave in porchetta

Sistemate le fave sgusciate in una ciotola (1) e tagliate la pancetta a dadini. Fate dorare l'aglio tritato in una padella con olio extravergine d'oliva. Aggiungete la pancetta e cuocete a fiamma bassa per 5 minuti. Sfumate con il vino bianco e, non appena sarà completamente evaporato, aggiungete il finocchio selvatico e le fave (2). Cuocete a fuoco lento per per circa 40 minuti con il coperchio. Aggiungete un poco d'acqua durante la cottura: non più di 4 cucchiai, per evitare di  lessarle troppo. Quasi a fine cottura salate e pepate: le fave risulteranno più scure e morbide al punto giusto. Le vostre fave in porchetta sono pronte per essere portate in tavola con una spolverata di pepe (3).

Consigli

Potete utilizzare anche le fave surgelate per questa preparazione. Inoltre è possibile sostituire il finocchio selvatico con l'aneto, in base alla vostra disponibilità.

Per la preparazione delle fave in porchetta, utilizzate preferibilmente la pancetta arrotolata: ha la parte grassa all'esterno che la rende più morbida e saporita.

Servite le fave in porchetta tiepide, accompagnate da buon pane fresco e da un vino rosso corposo oppure ad una birra artigianale.

Se amate le fave cotte, potete preparare anche le fave alla poverella con pangrattato, pecorino e succo di limone, ideali come antipasto o secondo piatto. In alternativa potete preparare la zuppa di fave, una pietanza ricca con pancetta e lardo di maiale, oppure le fave stufate preparate con l'aggiunta di guanciale e origano.

Conservazione

Potete conservare le fave in porchetta in frigo per 1 giorno all'interno di un contenitore ermetico.