EASY GOURMET
episodio 161

Spaghetti all’assassina: la ricetta di origine barese semplice e originale

Preparazione: 20 Min
Cottura: 15 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 2 persone
A cura di Redazione Cucina
16
Immagine

Gli spaghetti all’assassina sono un primo piatto di origine barese, una pietanza semplice e originale realizzata per noi da chef Michele Ghedini. Per realizzarli, prepareremo prima una sorta di brodo al pomodoro con acqua, passata e concentrato di pomodoro. A parte realizzeremo poi il soffritto all'assassina in una padella di ferro con olio extravergine di oliva, aglio e peperoncino: gli spaghetti saranno aggiunti crudi in padella e poi risottati con l'aggiunta del brodo di pomodoro. A fine preparazione otterrai degli spaghetti croccanti e saporiti che conquisteranno tutti.

ingredienti
Acqua
1 Litro
Passata di pomodoro
350 gr
Spaghetti
250 gr
Concentrato di pomodoro
100 gr
Olio extravergine di oliva
100 ml
Aglio
3 spicchi
Peperoncino
1
Sale
q.b.

Come preparare gli spaghetti all'assassina

Inizia preparando un brodo al pomodoro, in una pentola metti acqua, passata di pomodoro, concentrato di pomodoro ed un pizzico di sale e porta a bollore.

Nel mentre prepara il soffritto per l’assassina: in una padella rigorosamente di ferro, metti generoso olio extravergine di oliva e lascia soffriggere dell’aglio tritato insieme a del peperoncino.

Quando l’aglio è imbiondito, aggiungi la passata di pomodoro e mescola bene.

A questo punto metti gli spaghetti crudi direttamente in padella, lasciali soffriggere e sbruciacchiare nell’olio, poi inizia a risottarli con il brodo.

Continua cosi, fino a cottura ultimata: gli ultimi minuti lasciala soffriggere bene in modo da rendere gli spaghetti anche un po' croccanti.

Ed ecco pronti gli spaghetti all’assassina.

Conservazione

Puoi conservare gli spaghetti all'assassina in frigorifero per 1-2 giorni in un contenitore ermetico. Ripassali in padella, prima di gustarli.

Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Primi piatti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
16
api url views