Immagine
Pasqua, una tradizione rinnovata
La primavera porta nuovi sapori per innovare la tavola della tradizione anche a Pasqua, da assaporare con Emiliane Barilla.
3756
contenuto sponsorizzato da
Immagine

Primavera pasquale, un inno al rinnovamento

Ogni anno porta con sé la primavera, i rami di pesco fioriti, piccoli pulcini di lana gialla e uova colorate come segnaposto: la Pasqua della tradizione arriva, con voglia di trasformazione e cambiamento. Così anche in cucina il desiderio di innovare diventa forte: nuovi sapori freschi di stagione riempiono di profumo la casa per dar vita alle nuove forme del buono da portare a tavola. A stimolare la creatività ci pensano le Emiliane Barilla, un ponte tra passato e futuro che rende speciali tutti i giorni. Basta immaginare la sfoglia della pasta all’uovo per sentire il sapore della tradizione sul palato, basta vedere le Emiliane Barilla per sentirsi chef “casalinghi” con tanto di cappello e grembiule: le Emiliane Barilla sanno ispirare nuove ricette, innovare i piatti classici appartenenti alle tradizioni di ogni famiglia e crearne di nuove: quelle delle famiglie di domani. Ecco qualche consiglio per imparare a rinnovare i sapori di casa, oggi più che mai: ricette per le persone che amiamo, per rendere ogni occasione quella più speciale.

Immagine

Pappardelle dal sapore fresco e leggero

Sbalordire con una portata ad effetto cercando una ventata di novità? Basta puntare sul primo piatto e lasciarsi ispirare dai profumi della nuova stagione. Le pappardelle Emiliane Barilla sono un trionfo di pienezza che trattiene al meglio i sapori più freschi e delicati: proviamole, allora, con il profumo inebriante del finocchietto selvatico e abbiniamole allo sgombro per avere una pietanza leggera e primaverile. Le Pappardelle sgombro e finocchietto, ispirate alla ricetta dello chef Marta Scalabrini, sono un piatto abbordabile per tutti. Grazie alle uvette e ai pinoli mantengono quel giusto gancio con l’inverno appena lasciato, regalando grande profondità al gusto. Se non si ama lo sgombro, invece, è possibile sostituirlo con le sardine o con le acciughe, aprendo così la tavola al mare di Sicilia.

Immagine

Con la Lasagna Pizza, l'Italia è servita

Le lasagne, si sa, piacciono a tutti – grandi e piccini. Ma se quest’anno volassimo alto e sperimentassimo un po’, avvicinandole ad un altro piatto tipicamente italiano per ricordarci di quanto è suggestivo e… gustoso il nostro Bel Paese? Il risultato è magnifico e davvero apprezzato: la Lasagna Pizza, dalla creatività dello chef Massimiliano Poggi, con le Lasagne Emiliane Barilla, perfettamente porose per trattenere il pomodoro. E per chi pensa che sia indispensabile la mozzarella… beh, è l’unico ingrediente che manca: il merito va al profumo indescrivibile del Parmigiano Reggiano, del friggione di cipolle e del sapore fresco del timo, del rosmarino e della salvia e della forma tonda che ricorda la vera pizza. E per capire come si mangia – si taglia a fette come la classica margherita o con la forchetta come la lasagna? basta chiedere ai bambini!

Immagine

Lasagne al sapore di montagna: un mix per veri intenditori

Per chi ama il profumo della montagna e della natura in pieno risveglio primaverile, perché non lasciarsi ispirare dai gusti delle Alpi e abbinare la verza allo speck, ai funghi porcini e alla Fonduta al Puzzone di Moena per un’altra variante delle lasagne tradizionali? Un vero tripudio di sapori montani – ispirato alla ricetta dello chef Daniele Bendanti – da ricreare anche a casa: un perfetto accompagnamento per le Lasagne Emiliane Barilla. E se davvero i porcini hanno lasciato il posto all’ovetto di Pasqua sotto le conifere, mamma chef saprà “rimediare” con altri funghi stagionali.

Immagine

Lasagnette… mai più senza

Poi ci sono gli irriducibili, quelli che anche a Pasqua, se non sentono la consistenza dei pezzettini di carne sotto i denti ammorbiditi dalla besciamella, non sono contenti. Per loro una novità assoluta che reinventa il ragù alla bolognese senza rinunciare al gusto: Emiliane Barilla si cimenta, rifacendosi ancora una volta ad un’idea dello chef Massimiliano Poggi, nella Lasagnetta al ragù bianco di verdure e salsa di erbe. Basta rosolare sul fuoco vivace la polpa tritata della faraona, del pollo e del coniglio per preparare un ragù bianco degno di Pasqua. Se si aggiungono le bietoline, gli spinaci e il radicchio il sapore diventa ancora più adatto alla stagione ed invitante per tutti i palati.

Immagine

Con le tagliatelle, per una miscela di anime diverse

Gli asparagi freschi donano un gusto particolare per pochi mesi all’anno, quelli primaverili. Rosa come quelli della Brianza, bianchi come quelli di Navarra o selvatici come quelli che riempiono le campagne della Bassa con il loro incredibile profumo. Ma quando incontrano il culatello e le Tagliatelle Barilla, non c’è Romagna né Emilia che tenga: solo una grande festa di Pasqua da festeggiare insieme, ancor di più se accompagnata dal sapore intenso della ricetta dello chef Daniele Bendanti. Quando si dice: “rinnovare un piatto della tradizione”! Grazie mamma-chef e grazie Emiliane Barilla, che riuscite a risuscitare nuovi sapori e antiche tradizioni da sperimentare, riuniti a tavola ogni giorno, per stare bene con le persone che amiamo.

Immagine
Questo è un contenuto pubblicitario a cura di Ciaopeople Studios, realizzato in linea con le necessità del brand.
Condividi questo articolo