ricetta

Trofie al pesto con patate e fagiolini: la ricetta della tradizione genovese

Preparazione: 30 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 persone
A cura di Redazione Cucina
0
Immagine
ingredienti
Trofie fresche
320g
Patate
150g
Fagiolini
150g
Basilico in foglie
160g
Pecorino grattugiato
70g
Parmigiano grattugiato
60g
Olio Evo
150ml
Pinoli
70g
Sale

Le trofie al pesto con patate e fagiolini sono un classico della cucina ligure. A differenza del classico pesto, in questa ricetta vengono aggiunti patate e fagiolini, cotti insieme alla pasta. In questo modo l'amido rilasciato permette di creare una deliziosa cremina che vi servirà per il condimento. Un tripudio di sapori e consistenze diverse a cui è difficile dire di no.

La ricetta è molto semplice ed è l'ideale per le prime giornate di caldo, perché si può servire anche come pasta fredda. Scegliete preferibilmente pasta fresca e dedicatevi a preparare un buon pesto.

Se potete, utilizzate il tradizionale mortaio di marmo con il pestello di legno, per rispettare la tradizione genovese. In alternativa potete usare il mixer, ma lavorate ad intermittenza per evitare di disperdere l'aroma del basilico.

Come preparare le trofie al pesto con patate e fagiolini

Per il pesto, lavate bene le foglie di basilico e fatele asciugare. In una ciotola, frullatele insieme ai pinoli e a metà della dose di olio.

Aggiungete uno spicchio d'aglio schiacciato, il pecorino e il parmigiano grattugiati e l'olio restante. Frullate e aggiustate di sale.

Pelate le patate e tagliatele a rondelle, poi a listarelle e infine a cubetti. Lavate i fagiolini, tagliateli a pezzi e lessate tutto in abbondante acqua salata.

Dopo almeno una decina di minuti, aggiungete all pentola anche la pasta. Quando la pasta è cotta, scolatela tenendo da parte un po' di acqua di cottura.

In una ciotola amalgamate la pasta al pesto, poi unite i fagiolini e le patate.

Consigli

Quando preparate il pesto, fate attenzione a non frullare tutto in una volta sola, per non rischiare che il basilico si ossidi. Frullate ad intermittenza, fermando le lame ogni 5 secondi circa, per preservare la freschezza e l'aroma del basilico.

Per un buon pesto, lavorate gli ingredienti in un mortaio di marmo con il pestello di legno. Secondo la tradizione, aggiungete gli ingredienti in questo ordine: pinoli, formaggio, aglio spellato e, alla fine, le foglie di basilico con un pizzico di sale grosso, pestandolo con un movimento rotatorio. Versate un filo d'olio d'oliva.

Conservazione

Potete conservare le trofie al pesto con patate e fagiolini per un paio di giorni in frigorifero, purché chiuse in un contenitore ermetico. In alternativa, se non avete ancora condito la pasta, potete sempre conservare il vostro pesto in un barattolo sterilizzato e sotto vuoto.

0
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Primi piatti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
0