ingredienti
  • Pasta brisée 2 rotoli • 450 kcal
  • Ricotta 250 gr • 174 kcal
  • Parmigiano 70 gr • 899 kcal
  • Uova 6 • 0 kcal
  • Noce moscata q.b.
  • pepe q.b. • 79 kcal
  • Sale q.b. • 0 kcal
  • Olio extravergine di oliva q.b. • 0 kcal
  • Spinaci già lessati 500 gr • 24 kcal
  • Scalogno 1 • 29 kcal
  • Latte q.b. • 49 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La torta pasqualina è una torta salata della tradizione ligure, che si prepara solitamente per la Pasqua. Questa torta rustica si caratterizza per una sottilissima sfoglia di pasta simile alla pasta brisée, e farcita con spinaci o bietole, ricotta e uova, che si svelano solo al momento del taglio. La torta pasqualina ha origini molto antiche, addirittura risalenti al Medioevo. Pare che, durante il periodo pasquale, le donne, a Genova, tiravano 33 strati di sfoglie sottilissime con riferimento agli anni di Gesù quando venne crocifisso. Ma storicamente questa torta salata viene citata, per la prima volta, nel Catalogo de gli inventori delle cose che si mangiano e bevono, una sorta di antico ricettario scritto da Ortensio Lando nel XVI secolo.

Come tutte le ricette antiche, ciascuna famiglia ha la sua versione ed esistono tante varianti regionali, come quella di Ventimiglia realizzata con le erbette selvatiche al posto delle biete, oppure la più attuale torta pasqualina ai carciofi.

Un rustico ricco e goloso, che può essere servito caldo come antipasto o secondo piatto, in occasione di un pranzo di festa. Deliziosa anche fredda, la torta pasqualina è perfetta da gustare nelle consuete gite fuori porta del Lunedì dell'Angelo. Scoprite come prepararla seguendo passo passo tutti i nostri passaggi e consigli.

Come preparare la torta pasqualina

Raccogliete la ricotta in una ciotola, aggiungete 20 gr di parmigiano, 1 uovo, una grattugiata di noce moscata e un pizzico di sale (1); mescolate per bene, fino a ottenere una crema omogenea, e lasciate riposare in frigorifero per una mezz'ora. Tritate lo scalogno e fatelo appassire in una padella con un filo di olio; aggiungete gli spinaci lessati, ben strizzati (2), e lasciate insaporire per una decina di minuti. Spegnete e fate intiepidire; trasferiteli su un tagliere e tritateli finemente con un coltello. Riuniteli in una ciotola, aggiungete 1 uovo, 50 gr di parmigiano e una macinata di pepe (3), quindi amalgamate perfettamente.

Foderate una teglia a cerniera con un foglio di carta forno e adagiate sopra un disco di pasta brisée. Bucherellate la base con i rebbi di una forchetta, farcitela con gli spinaci e livellate per bene (4). Versate la crema di ricotta e spalmatela sull'intera superficie della torta. Separate i tuorli dagli albumi. Con il dorso di un cucchiaio praticate quattro buche e adagiatevi all'interno i tuorli (5). Coprite la superficie con il secondo disco di pasta brisée e sigillate bene i bordi, in modo tale che non si apra in cottura. Spennellate la superficie con un goccino di latte, decorate a piacere (6) e fate cuocere in forno ventilato preriscaldato a 180 °C per circa 40 minuti (6). A cottura ultimata, sfornate la torta salata e fatela intiepidire. Sformatela, tagliatela a fette e servite.

Consigli

Potete preparare la torta pasqualina con una pasta brisée già pronta (la trovate nel reparto frigo del supermercato) ma, nel caso in cui abbiate un po' di tempo, il consiglio è di prepararla in casa. Potrete così realizzare la ricetta con 4 veli di sfoglia: due per foderare la base e due per ricoprire il ripieno. Sciogliete un pizzico di sale in 350 millilitri di acqua. Mettete 600 grammi di farina in una ciotola capiente e aggiungete l'acqua e 35 ml di olio extravergine di oliva. Impastate fino a ottenere un panetto morbido e suddividetelo in 4 panetti: 2 da 300 gr per la base e 2 da 180 gr per la superficie. Lasciate riposare per un'ora prima di stendere i panetti in sfoglie sottili da utilizzare per la vostra preparazione.

Per fare in modo che le uova siano ben visibili al taglio, fate delle buche all'interno della farcitura e adagiateci le uova delicatamente. In questo modo si rassoderanno intere.

A piacere, potete sostituire gli spinaci con biete o erbette, avendo l'accortezza di lessarle in acqua bollente e poi ripassarle in una padella con l'olio e lo scalogno per farle asciugare perfettamente. Andranno bene anche dei carciofi o del radicchio spadellato.

Per una versione tradizionale, sostituite la ricotta con la prescinsêua genovese, un prodotto caseario tipico della tradizione ligure dal sapore acidulo, simile alla cagliata; fatela sgocciolare per bene in un colino e poi mescolatela al composto.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche la farinata di ceci e la focaccia genovese, specialità tipiche della tradizione ligure.

Conservazione

La torta pasqualina si conserva in frigorifero, coperta in superficie con un foglio di pellicola trasparente, per un paio di giorni. Potete anche tagliarla a fette e metterla in congelatore: in questo modo potrete scongelare solo le porzioni che vi serviranno. Scongelatela in frigorifero e poi scaldatela in forno o in microonde