ingredienti
  • Rognone di vitello 500 g
  • Vino bianco 1 bicchiere • 21 kcal
  • Basilico 1 manciata • 15 kcal
  • Olio d’oliva 2 cucchiai • 901 kcal
  • Sale 1 pizzico • 21 kcal
  • Aceto di vino bianco 30 ml
  • Acqua fredda q.b. • 79 kcal
  • Farina 00 q.b. • 43 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il rognone di vitello al vino bianco è un secondo piatto a base di carne che fa parte della famiglia delle frattaglie rosse. Quale parte dell'animale riguarda è facile intuirlo, il rene. Anche se particolare come sapore, il rognone è passato dall'essere una pietanza contadina a una prelibatezza gourmet della cucina raffinata. Per realizzarlo occorreranno brevi passaggi: taglio della carne, immersione nell'acqua e cottura in padella con il vino bianco. Un accorgimento molto importante è rispettare la cottura, che dovrà sempre rapida e ad alte temperature.

Come preparare il rognone di vitello al vino bianco

Preparate la carne mettendola in un tagliere (1). Togliete il grasso e tagliuzzate il rognone con delle forbici da cucina o un coltello (2). Immergetelo in una ciotola con acqua fredda e aceto per mezz'ora (3).

Trascorso il tempo scolatelo e asciugatelo. Mettete la farina in un piatto (4) e impanate la carne (5). In una padella mettete l'olio, il burro e il rognone tagliato a pezzi (6).

Aggiungete il basilico spezzettato con le mani (7) e aggiustate di sale (8). Per ultimo sfumate con il vino bianco (9). Fate cuocere ancora per diversi minuti e servite.

Consigli

Se avete acquistato un rognone ricco di grasso non preoccupatevi, significa che il taglio è prelibato. Ad ogni modo è indicato rimuovere la parte bianca per agevolare la cottura e la buona riuscita della ricetta. Fondamentale immergerlo nell'acqua con l'aceto (potete sostituire con il succo di mezzo limone) così come è importantissimo asciugarlo per bene successivamente. All'olio in padella si può aggiungere anche qualche ricciolo di burro. Di solito il rognone si cuoce a pezzetti ma è possibile cucinarlo anche per intero, meglio se alla griglia, condito con odori e spezie. Il gusto forte del rognone prevede che questo piatto sia accompagnato da vini rossi e contorni dal sapore intenso, meglio se marinati nell'aglio.

Varianti

Gli accostamenti più azzeccati per il rognone sono sapori forti e intensi. Ottimo se cotto in padella con cipolle fresche bianche o dorate, ma anche verdure come funghi e carciofi. Una ricetta molto buona sono i rognoni trifolati con prezzemolo.

Conservazione

È consigliato mangiare subito il rognone di vitello al vino bianco. Potete conservarlo in frigorifero chiuso in un contenitore ermetico o sigillato con pellicola per alimenti per circa un giorno al massimo.