ingredienti
  • Patate 600 grammi • 750 kcal
  • Pancetta 100 grammi • 661 kcal
  • Uova 3 • 380 kcal
  • Pecorino 70 grammi • 332 kcal
  • Olio extravergine d’oliva 2 cucchiaini • 29 kcal
  • Prezzemolo q.b. • 79 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Quello delle patate alla carbonara è un contorno facile e veloce da prepare. Si può pensare di servirlo anche come piatto unico, quando si ha voglia di spaghetti alla carbonara, ma non si vuole cucinare la pasta, o se si devono consumare le patate.

Per prepararla non c'è bisogno neanche del forno e occorre poco meno di mezz'ora.

Come preparare le patate alla carbonara

Pelate le patate e lavatele sotto l’acqua (1). Tagliatele a cubetti (2) e ripassatele sotto l’acqua bollente. Mettete le uova in una ciotola e conditele con sale, pepe e pecorino (3).

Scottate la pancetta con dell’olio d’oliva (4), aggiungete le patate e fatele saltare in padella (5) per qualche minuto. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare (6).

Disponete il composto su un piatto e aggiungete del prezzemolo tritato. Servite le patate alla carbonara ancora calde.

Consigli

Il piatto deve essere consumato caldo e al momento, non è consigliato mangiarlo freddo. Inoltre, si consiglia di utilizzare una padella antiaderente e di procedere con la cottura a fuoco basso, per non rovinare il piatto.

Fate attenzione quando amalgamate le uova, il rischio è quello di fare una frittata. Potete utilizzare solo i tuorli o l'uovo intero, a seconda del vostro gusto personale.

Conservazione

Le patate alla carbonara non possono essere conservate a lungo, una volta cotte. Le porzioni avanzate possono essere conservate in luogo asciutto e fresco e consumate entro il giorno successivo.

Varianti

Se volete un piatto dal sapore più deciso, potete sostituire la pancetta dolce con la pancetta affumicata. Se, invece, non siete amanti delle patate saltate in padella, potete provare la ricetta delle patatine fritte alla carbonara; il procedimento è lo stesso di questa ricetta, ma le patate devono essere fritte, quindi i tempi per la preparazione del piatto saranno più lunghi e il contorno sarà più sostanzioso.