coronavirus-psicosi-milano-ristoranti

Un pranzo per esprimere vicinanza alla comunità cinese con il Comune di Milano. L’iniziativa è stata ideata dal ristorante Ramenamano di via Lomazzo, con Francesco Wu della Confcommercio meneghina: l'obiettivo è combattere la paura del virus. Il virus sta portando in Italia una vera e propria psicosi, con diversi episodi di atteggiamenti razzisti e xenofobi: a farne le spese nel nostro Paese sono i tanti cittadini cinesi o italo-cinesi immigrati in Italia nel corso degli anni, che hanno aperto negozi o ristoranti in tema.

A Milano la comunità cinese è ampissima, tanto che il cognome più diffuso del capoluogo è Hu, di chiara matrice asiatica, ma il settore ristorativo sta risentendo della paura del contagio. Per questo motivo la Confcommercio e l’assessore alle attività produttive del Comune di Milano, Cristina Tajani, hanno partecipato ad un pranzo solidale in un ristorante cinese a Chinatown. L’invito è di “non lasciarsi prendere da preoccupazioni immotivate e irrazionali che penalizzano il tessuto economico di una parte della nostra città” spiega l’assessore a La Repubblica, perché “non c'è nessun rischio nel frequentare i ristoranti cinesi e non c'è nessun rischio per i bambini che frequentano scuole in classi miste. In ogni caso il nostro paese ha preso provvedimenti cautelativi, è stata appena dichiarata l'emergenza sanitaria per sei mesi, i cittadini possono stare tranquilli".

ramenamano-via-sarpi-chinatown

Al quotidiano diretto da Carlo Verdelli ha parlato anche Wu, referente per l’imprenditoria straniera, che ha raccontato dei tanti episodi razzisti che stanno colpendo la comunità asiatica a Milano come taxi che rifiutano turisti o semplici cittadini di discendenza orientale o addirittura bambini scherniti perché di famiglia cinese.

La prossima iniziativa a Chinatown col sindaco

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha preso particolarmente a cuore questi episodi discriminatori. A margine del punto stampa del comitato d’indirizzo della candidatura in vista delle Olimpiadi invernali Milano Cortina 2026 ha parlato della psicosi: “Non vorrei ci fossero eccessivi allarmismi. A questo proposito, annuncio che la prossima colazione col sindaco la farò in via Paolo Sarpi per dare un segno di tranquillità”. La via in questione è nota come la Chinatown di Milano, punto di incontro di tanti orientali che trovano qui prodotti, ristoranti e negozi che rimandano alla Cina. Questa via è anche un’attrattiva irresistibile per tutti gli appassionati del Paese che ha dato i natali a Yao Ming. Il segnale del sindaco è molto importante per stemperare questo clima ostile.