ricetta

Mafalde siciliane: la ricetta del pane tipico della Sicilia ricoperto di sesamo

Preparazione: 180 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 persone
A cura di Redazione Cucina
4
Immagine
ingredienti
Ingredienti per la biga
Semola di grano duro rimacinata
200 grammi
Acqua
120 grammi
Lievito di birra
12 grammi
Ingredienti per l'impasto
Semola di grano duro rimacinata
350 grammi
Acqua
200 grammi
Malto
1 cucchiaino
Olio
40 ml
Sale
10 grammi
Semi di sesamo
q.b.

Le mafalde siciliane sono dei panini fatti con la semola di grano duro tipici della Sicilia, morbidissimi e impreziositi da semini di sesamo. La preparazione di questo particolare pane è divisa in due parti, ma non ruba più di un'ora. Il pane è sempre buono, questo è certo, ma questa specialità ha una marcia in più, un piccolo dettaglio che non è solo estetico, ma che aggiunge qualcosa di particolare al suo gusto e lo rende unico e riconoscibile. Ecco la ricetta completa di questa specialità siciliana, facile e veloce da preparare.

Mettete in una ciotola acqua, farina di semola e lievito (1). Impastate fino a formare una palla (2) e lasciate lievitare per 30 minuti (3).

Dopo averlo lasciato riposare, riprendete l'impasto e aggiungete farina, acqua, olio e malto (1). Una volta che il composto sarà amalgamato, aggiungete il sale, ridate all'impasto la forma di una palla e lasciatelo riposare per un'altra ora. Dopo 60 minuti, dividetelo in pezzi (2). Appiattite ogni pezzo con il matterello fino a formare rettangoli lunghi e sottili. Arrotolate ogni rettangolo su se stesso, dal lato lungo, e formate dei cilindri stretti e lunghi. Date la forma tipica delle mafalde ad ogni serpentino: piegatelo in tante piccole "s" ravvicinate, poi ripassate da sopra con la parte finale. Pennellate ogni mafalda con l'acqua e capovolgetele in un piatto con i semi di sesamo (3) per farli aderire. Lasciatele riposare nel forno spento e a luce accesa finché non crescono. Preriscaldate il forno ventilato a 200°, poi fatele cuocere per 10 minuti alla stessa temperatura e per altri 10 minuti a 180°. Al termine della cottura, toglietele dal forno e fatele raffreddare. Quando non saranno più bollenti, saranno pronte per essere mangiate.

Consigli

Le mafalde sono molto buone da gustare così come sono, ma possono essere mangiate ripiene, come ogni tipo di panino. Che sia mortadella, salame o cioccolata, potete gustarle come preferite.

Conservazione

Ricordatevi che le mafalde devono essere necessariamente consumate entro 3 giorni dalla loro preparazione, per non perdere la loro morbidezza e perchè non prevedono l'aggiunta di conservanti.

4
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Ricette
Lascia un commento
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
4