ricetta

Harumaki, come preparare i famosi involtini giapponesi a casa

Preparazione: 60 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 persone
A cura di Redazione Cucina
11
Immagine
ingredienti
Pasta fillo
8 fogli
Lonza di maiale
150 g
Carote
110 g
Cipollotto
100 g
Germogli di soia
80 g
Verza
70 g
Sedano
50 g
Salsa di soia
50 g
Olio di semi di arachidi
qb

Gli Harumaki sono un grande classico della cucina giapponese molto apprezzati in tutta Europa. Sono dei rolls ripieni, molto simili agli involtini primavera cinesi. Di origine vietnamita, gli harumaki sono un antipasto etnico gustosissimo: una pasta fillo croccante ripiena di carne, pesce o verdure.

I ripieni più comuni in genere sono a base di carne di maiale, di gamberetti (Harumaki Ebi) o nella versione vegetariana di cavolo, carote, cipollotti e germogli di soia. Talvolta possiamo trovarli anche con funghi e bambù. Preparate questi deliziosi involtini e accompagnateli ad una salsa di soia o in agrodolce, per stupire i vostri ospiti con una sfiziosa cena etnica.

Come preparare gli Harumaki

Tagliate la lonza di maiale a fettine e a striscioline, infine a cubetti. Tagliate a listarelle le carote, il cipollotto, la verza e il sedano, dopo averlo pulito dai suoi filamenti.

In un wok o in una padella antiaderente, scaldate abbondante olio di semi di arachidi. Saltate la carne per qualche istante, poi aggiungete le carote e il sedano, a fiamma alta. Sfumate con della salsa di soia, finché non si sarà asciugata e le verdure non risulteranno croccanti. Aggiungete per ultimi la verza e i germogli di soia.

Lasciate raffreddare il ripieno. Nel frattempo, dividete ciascun foglio di pasta fillo a metà, formando due triangoli e sovrapponeteli. Riempite con un cucchiaio di ripieno e chiudete, piegando prima l'angolo inferiore, poi i due lati. Arrotolate bene l'involtino e spennellate leggermente con un po' d'acqua per sigillare la chiusura.

Scaldate abbondante olio di semi in una padella e portate a 160°. Friggete un involtino per volta e asciugateli su della carta assorbente. Servire caldi.

Consigli

In alternativa alla pasta fillo, potete anche preparare una tradizionale pastella. In una ciotola versate 125 g di farina 00, 70 g di amido di mais e un pizzico di sale. Lasciate a riposo 30 minuti e cuocete un cucchiaio di composto per volta in una padella antiaderente con dell'olio di semi. Devono essere sfoglie sottilissime.

Per gli Harumaki Ebi, pulite i gamberi ed eliminate la buccia, lasciando la coda. Aggiustateli di sale e pepe ed avvolgeteli nella pasta fillo e chiudete l'estremità superiore e il bordo spennellando un po' acqua.

Conservazione

Gli Harumaki vanno consumati preferibilmente appena caldi. In alternativa, potete conservarli in frigo fino al giorno successivo. La congelazione è sconsigliata.

11
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Antipasti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
11