ingredienti
  • Per il lievitino
  • Farina 00 170 gr • 901 kcal
  • Latte 90 ml • 79 kcal
  • Lievito di birra fresco 8 gr • 750 kcal
  • Per il secondo impasto
  • Farina 00 320 gr • 901 kcal
  • Zucchero 80 gr • 380 kcal
  • Uova 1 e un tuorlo • 380 kcal kcal
  • Latte 60 ml • 79 kcal
  • Grappa 10 ml
  • Burro ammorbidito 85 gr • 750 kcal
  • Per il ripieno
  • Noci 70 gr • 660 kcal
  • Pinoli 50 gr • 595 kcal
  • Mandorle 45 gr • 595 kcal kcal
  • Uvetta 55 gr • 317 kcal
  • Limone 1 • 43 kcal
  • Burro 55 gr • 0 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La gubana è una torta tipica, preparata soprattutto durante il periodo natalizio, nella zona del Friuli, più precisamente delle valli del Natisone. Il nome deriva dalla sua speciale preparazione, che richiede diverse “guba”, cioè pieghe in dialetto friulano. Un impasto lievitato farcito con frutta secca e burro, questo dolce sprigiona tutti i profumi della sua terra e non potrete più farne a meno nelle fredde giornate invernali.

Procedimento

Formate il lievitino. Versate la farina in una ciotola capiente e create una fontana al centro. Intiepidite leggermente il latte e scioglietevi il lievito all’interno (2). Unite il latte con il lievito alla farina e impastate fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Lasciate lievitare per circa un’ora fino al raddoppio delle dimensioni (3).

Ora unite al lievitino la restante farina setacciata, lo zucchero, le uova e il latte. Continuate ad impastare e aggiungete la grappa. Quando la farina avrà assorbito tutti gli ingredienti aggiungete il burro ammorbidito e continuate a lavorare fino ad ottenere un impasto elastico (4). Coprite e lasciate lievitare per circa 3 ore. Preparate il ripieno. Fate rinvenire le uvette in acqua per qualche minuto (5). In una padella antiaderente fate sciogliere il burro e lasciate che si intiepidisca. Tritate finemente le noci, i pinoli e le mandorle. Scolate l’uvetta e tritate finemente anch’essa (6).

Unite la scorza di limone e aggiungete il burro tiepido e amalgamate bene tutti gli ingredienti (7). Con l’aiuto di un matterello stendete bene l’impasto ormai raddoppiato di volume (8). Stendete la farcia al centro dell’impasto e arrotolare fino ad ottenere un cilindro (9). Imburrate e infarinate una teglia e arrotolatevi al suo interno la gubana. Spennellate la superficie con un uovo e spolveratela con zucchero semolato. Coprite e lasciate lievitare per un’altra ora circa. Infornate la gubana a 180° per circa un’ora e un quarto.

Consigli

  • Lavorate il lievitino per almeno dieci minuti, in questo modo il lievito si attiverà e riuscirà a svolgere la sua funzione lievitante
  • Il secondo impasto è più morbido ed elastico, quindi, se la avete, utilizzate una planetaria inizialmente con il gancio a foglia in modo che tutti gli ingredienti si amalgamino e poi il gancio per impastare.
  • Lasciate il burro e le uova fuori dal frigo circa due ore prima di utilizzarle.

Storia

La Gubana compare per la prima volta tra i 72 piatti serviti a Cividale in occasione di Papa Gregorio XII nel 1409. In seguito verrà citata in un contratto, in un canto del Settecento e diventa un prodotto commerciale a metà degli anni '70 del Novecento. Dai vari documenti d'epoca emerge che la gubana era un dolce riservato alle grandi occasioni perché molto costoso da fare per gli ingredienti utilizzati.