Dolci della Befana per riempire la calza

Epifania, tutte le feste si porta via: è questo il detto che da sempre segna la fine del periodo natalizio, cosa che coincide proprio con la festa del 6 gennaio. L‘Epifania, che simbolicamente segna l'arrivo dei Re Magi a Betlemme (e la proclamazione di Gesù Cristo come figlio di Dio), è l'ultima delle feste natalizie: nella vulgata popolare è la Befana ad animare questa giornata, anzi la nottata. Una signora anziana che vola su una scopa come una strega e che lascia ai bambini buoni dolcetti e a quelli "cattivi" del carbone: quest'anno fate la calza home made, cucinando in casa tutto quello che serve.

Epifania: le origini della celebrazione che chiude il Natale

Come buona parte delle nostre tradizioni, anche l'Epifania deriva da una festa pagana: il termine, infatti, veniva già utilizzato dagli antichi Greci per indicare la manifestazione di una qualsiasi divinità. Prima di diventare la giornata di adorazione dei Re Magi e combaciare in maniera intelligente con l’arrivo della Befana, durante questa festa si celebravano diversi riti legati al concetto di luce: perché proprio questo momento segnava la fine del buio, o meglio, la fine del periodo più intenso di buio (dopo il solstizio d'inverno le giornate cominciano infatti ad allungarsi). I Romani, in particolare, tra la fine di dicembre e il 6 gennaio celebravano il "volo" effettuato della dea Diana sui campi coltivati per renderli fertili, portando in regalo ai più piccoli frutta o dolci antichi. La Befana, invece, è una figura folcloristica tipica di alcune regioni italiane e diffusasi poi in tutta la penisola italiana, meno conosciuta nel resto del mondo: anche in questo caso, la sua origine è legata a un insieme di riti propiziatori pagani, risalenti al X-VI secolo a.C., connessi a loro volta i cicli stagionali legati all'agricoltura.

Cosa mettere nella calza della Befana

Una delle "conseguenze" più belle dell'Epifania è sicuramente la calza: un vero calzino che si deve riempire di leccornie da mangiare poi durante la giornata del 6 gennaio. Anche il mito della calza è cambiato nel tempo: in realtà, la vera Befana porta i suoi regali, per chi è stato buono, e il suo carbone e aglio, per i "cattivi", in sacchi di iuta sfatti e slabbrati che assumono la forma di grandi calzettoni, oppure in ceste di vimini. Ma come fare una vera calza colma di dolcetti fatti in casa? Vi suggeriamo alcune ricette per riempire le vostre calze con piccole delizie realizzate in casa: in questo modo avrete una calza gustosa ma anche genuina.

1. Whoopie pie

Deliziosi dolcetti monoporzione tipici degli Stati Uniti: i whoopie sono piccole tortine al cacao farcite con una crema di marshmellows, oppure con una crema al formaggio. Le origini sono connesse con la tradizione culinaria amish e pare che il loro nome derivi proprio dall'esclamazione che i bambini della comunità fanno quando li trovano nel cesto del pranzo. Leggeri e golosi, andranno a ruba sia fra i grandi che fra i più piccoli.

2. Caramelle mou fatte in casa

Gommosi e burrosi quadratini di dolcezza, irresistibili e intramontabili: sono le caramelle mou. Facilissime da fare anche in casa, per prepararle avrete bisogno solo di latte, zucchero e un pizzico di vaniglia. Potete personalizzare le vostre caramelle come preferite, aggiungendo cannella, scorzetta di arancia, granella di cocco o di pistacchio, cacao in polvere. Ma potete anche farne una parte riservata ai soli adulti: provate infatti a inserire nella ricetta un bicchierino di liquore strega oppure di rum.

3. Pop corn al caramello

Non tutto nella calza deve essere dolce: c'è spazio anche per il salato. E allora perché non provare questa ricetta tutta in equilibrio fra la sapidità e la dolcezza? I pop corn al caramello sono facilissimi da realizzare a casa e possono essere arricchiti con delle spezie: dovete solo avere l'accortezza di metterli nella calza all'interno di sacchettini trasparenti, in modo che non si appiccichino con altri dolcetti, magari legati da un nastrino rosso.

4. Betty Crocker Candy

Betty Crocker Candy: i biscotti colorati e semplici dall'aria retrò

Biscotti americani genuini e leggeri, i Betty Crocker Candy sono i tipici biscotti da bambini che fanno impazzire anche gli adulti. Una ricetta semplicissima: niente cioccolato, glassa o altre aggiunte, ma zucchero di canna, latte, vaniglia e burro, oltre a un pizzico di menta piperita che dà alla ricetta un tocco in più.  Potete variare la ricetta come preferite, aggiungendo ad esempio frutta secca come noci e mandorle, sostituendo la vaniglia con della scorza di limone biologico, o aggiungendo della cannella per un gusto più "natalizio".

5.  Ciambelline sarde

Una ricetta un po' più tradizionale per chi non ama i dolci troppo elaborati: le ciambelline sarde. Dolcetti ripieni di marmellata tipici della pasticceria dell'isola, prevedono una pasta frolla preparata con lo strutto e non con il burro: è proprio questo che le rende irresistibili. Se volete, però, potete anche usare la pasta frolla classica, il risultato sarà comunque eccezionale.

6. Cappello della Befana

Dolcetti al cioccolato a forma di cappello, facilissimi da realizzare e adatto ai più piccoli: sono i cappelli della Befana. A base di panettone, il più semplice possibile, oppure di biscotti: la cosa importante è fare attenzione alla ciconferenza dei biscotti, che deve essere maggiore di quella dei dolcetti da realizzare.

7. Calza della befana in pasta sfoglia

Per completare in bellezza questa rassegna dei dolcetti da preparare per l'Epifania vi proponiamo di preparare proprio la calza! Basta usare della pasta sfoglia da fare in casa, oppure già pronta, biscotti, latte
crema di nocciole, uova e cioccolato bianco: seguite passo passo la ricetta e realizzerete una perfetta calza da mangiare.